| categoria: primo piano

Fmi, Strauss-Khan dal giudice, Europa con il fiato sospeso, sinistra francese a pezzi

Strauss Kahn

La vicenda di Dominique Strauss-Khan, direttore generale del Fondo monetario internazionale, dal punto di vista giudiziario segue il suo corso: oggi infatti dovrà comparire davanti al Tribunale di New York per rispondere dell’accusa di stupro ai danni di una cameriera d’albergo. Ma è dal punto di vista politico ed economico che la sua storia personale ha invece ripercussioni a livello internazionale: Strauss-Khan stava infatti svolgendo un ruolo chiave nella gestione di una serie di questioni, soprattutto in chiave europea. Prima fra tutte la gestione delle crisi vissute da Portogallo, Grecia e Irlanda: il politico ed economista francese avrebbe dovuto partecipare oggi a una riunione con il cancelliere tedesco Angela Merkel per esaminare le misure prese dal governo greco per fronteggiare il crack economico-finanziario e per decidere il futuro del piano di aiuti per il Paese ellenico. Ma l’arresto e la possibile carcerazione preventiva di Strauss-Khan avranno delle inevitabili conseguenze anche sulla politica nazionale francese, dato che era considerato il favorito nella corsa alla candidatura per il Partito socialista alle prossime presidenziali ed ora è praticamente fuori dai giochi. A prendere in mano le redini del Fmi sarà per il momento il suo numero due John Lipsky, che però aveva già annunciato la sua intenzione di lasciare l’incarico il prossimo agosto. Il rischio che si venga a creare un vuoto di potere al vertice del Fmi in un momento così delicato per l’economia internazionale è qualcosa più che un’ipotesi, e darà inevitabilmente spazio alle richieste dei Paesi emergenti che da anni chiedono una profonda riforma dell’istituzione finanziaria internazionale.

Ti potrebbero interessare anche:

Incendio nella notte all'aeroporto, Fiumicino caos. Chiuso lo scalo
Francia, Macron in testa, sarà ballottaggio con la Le Pen
Sestriere sotto choc, dopo la valanga c'è anche il morto
Di Maio-Salvini, intesa deficit/Pil al 2.4%
Costi gonfiati", commissario Tav all'attacco
Bonafede, Senato respinge mozioni di sfiducia



wordpress stat