| categoria: spettacoli & gossip

Galan, ancora scontro con i teatri lirici: difficile mantenerli

Giancarlo Galan

«L’anomalia italiana per quanto riguarda i teatri lirici è che i proventi da biglietteria rappresentano solo il 16% del bilancio. Tutto il resto sono sovvenzioni statali ed è oggettivamente pesante». A dirlo è stato il ministro dei Beni culturali, Giancarlo Galan, in un’intervista, legata ai tagli agli enti lirici, rilasciata al programma “Alfonso Signorini show”, in onda su Radio Monte Carlo. «In Italia sono 14 i teatri di tradizione lirica, e per il modo in cui sono costituiti costano molto e non e’ facile mantenerli – ha aggiunto Galan – In tutto il campo dei beni culturali noi ereditiamo un patrimonio immenso tra cui anche quello del melodramma e della lirica, e mantenerlo e’ difficoltoso». Il ministro ha però voluto ricordare che da quando è alla guida del Governo sono stati restituiti i fondi del Fus e per la prima volta in Italia si da’ molto di piu’ alla cultura. «E questo – ha proseguito il ministro – lo fanno solo tre Paesi in tutta Europa: Francia, Polonia e Italia».

Ti potrebbero interessare anche:

"Sangue", Delbono, Senzani e le vecchie Br. Si scalda il festival di Locarno
Paolo Conte, "Parigi, mon amour"
I 60 ANNI RAI/ Vespa esclude Baudo per una vecchia lite con Donat Cattin. Pippo replica: non è il pa...
SANREMO/ Conti chiama Garko, con Virginia e Madalina
Superbowl ai Broncos, Lady Gaga e Beyonmce "regine"
Cannavacciuolo, chef dalla cucina allo stadio



wordpress stat