| categoria: salute

La vitamina C, un aiuto concreto per la salute del cuore

Un insufficiente apporto di vitamina C può compromettere la salute del cuore e peggiorare notevolmente il quadro clinico di chi ha già qualche patologia cardiaca, anche lieve. A dirlo sono stati i ricercatori dell’Università di Ulsan in Corea del Sud, i primi a dimostrare il collegamento tra bassi livelli di vitamina C e possibili eventi infausti per i malati di cuore. «Abbiamo scoperto che un adeguato apporto di vitamina C è associato a una sopravvivenza più lunga nei pazienti con insufficienza cardiaca», ha spiegato Eun Kyeung Song, autore dello studio. Per arrivare a queste conclusioni gli esperti hanno preso in esame 212 persone con un’età media di 61 anni. Il 45% circa dei volontari aveva una insufficienza cardiaca moderata o anche grave e un terzo di questi erano donne. Durante il periodo di test, durato quattro giorni, ai pazienti è stato chiesto di compilare un questionario delle loro abitudini alimentari controllato da un nutrizionista, mentre un software calcolava i livelli di vitamina C nel sangue. Infine, per mezzo di un esame si è misurata la presenza di hs-CRP, una proteina i cui livelli ematici si innalzano quando c’è una carenza di vitamina C. In base a tale primo setaccio i ricercatori hanno scoperto che ben 82 pazienti, il 39% del campione, non presentava un sufficiente introito di vitamina C, secondo i criteri stabiliti dall’Institute of Medicine. Successivamente i pazienti sono stati divisi in due gruppi in base ai livelli di proteina hs-CRP rilevati nel loro sangue e sono stati monitorati per un anno. Terminato il periodo di follow-up, il 29% dei pazienti, ossia 61 pazienti, è stato vittima di eventi cardiaci e i ricercatori hanno potuto concludere che alti livelli di proteina hs-CRP, associati a carenza di vitamina C, sono stati tra le cause di tali problemi. Inoltre lo studio ha evidenziato che l’ insufficienza di vitamina C e alte dosi di hs-CRP (più di 3 mg/litro) raddoppiava la probabilità di morte cardiovascolare. Insomma anche se non si soffre di problemi cardiaci, è bene assumere giuste quantità di vitamina C non solo perché fa bene in generale ma anche perché rappresenta un aiuto nella prevenzione delle malattie legate al cuore.

.

Ti potrebbero interessare anche:

Diabetici quattro milioni di italiani. Ma uno su quattro non lo sa
Invecchiamento reversibile: nuova giovinezza per le cellule dei centenari
Tumore al testicolo, i cellulari in tasca non c'entrano


wordpress stat