| categoria: attualità

FORMIGONI/2 – Il Papa mi ha detto “Prego ogni giorno per te”. E la platea di Cl applaude

Lunghi e ripetuti applausi hanno accolto al meeting di Cl il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, che in un quarto d’ora ha ripercorso la vicenda che lo vede indagato. Al suo ingresso nel grande auditorium della fiera, la platea ha applaudito a lungo Formigoni che ha esposto la propria «lettura personale di quanto mi è accaduto». «Ho sentito fisicamente le vostre preghiere in questa esperienza forte e straordinaria», ha detto, aggiungendo di essersi sentito vicino «un vecchissimo amico che mi aveva voluto bene da vivo e che da lassù si è dato da fare per me (Don Giussani, fondatore di Cl)». Ed ha rivelato che, quando incontrò il Papa a Milano tre mesi fa, «Benedetto XVI mi guardò e mi disse: ‘io prego tutti i giorni per leì». «Non sono mai arretrato perchè potevo rispondere, perché un politico deve dare ragioni. Ho risposto a mio modo, con tutti i miei limiti e intemperanze. Ho sbagliato e chiedo scusa, ma l’ho fatto perchè non potevo permettere che contro l’esperienza della Regione Lombardia e quella che mi ha generato fossero scaricate ingiustamente tonnellate di fango», ha concluso, alzando il tono della voce e raccogliendo un nuovo applauso della platea. Il governatore lombardo sostiene di «non aver ancora ben capito perchè mi stia succedendo quello che è successo». E citando la lettera del leader di Cl, Don
Carron, «rivolta a me», aggiunge: «Mi sono chiesto quale pretesto ho dato io, mi sono sentito richiamato fortissimamente. Non mi sono mai lamentato ed ho combattuto anche se mi sono arrabbiato ma senza lamentarmi. Perchè la lettera di Carron, che è il capo di Cl e quindi il mio capo, mi ha detto di andare avanti». Insomma, il governatore lombardo non desiste. «L’attacco contro di me era e resta ingiusto, a quanti dicono che sono appeso ad un filo rispondo che non sono loro a decidere come va a finire ma il padre eterno, perchè non sanno se quel filo è fatto di nylon o tungsteno». In ogni caso, Formigoni ripete: «Non rifarei le vacanze ai Caraibi, che comunque mi sono pagato di tasca mia, perchè non è cosa opportuna». E, dal punto di vista politico, secondo Formigoni, «l’attacco contro di me è fallito perchè il Pdl e la Lega mi si sono strette intorno, così come il popolo di Cl, come in questo meeting state dimostrando».

Ti potrebbero interessare anche:

Marò, si mobilita la comunità indiana in Italia
De Magistris (Idv): "La foto di Vasto è poca cosa, in questo momento ci vuole altro"
Ruby: "Sono in Messico, torno a gennaio"


wordpress stat