| categoria: Roma e Lazio

Il tempo stringe, imminente la decisione sul candidato Pdl alle Regionali

Silvano Moffa

– Ormai sembra essere solo questione di ore, e il Pdl dovrebbe sciogliere il nodo del candidato alla presidenza della Regione Lazio, quando mancano solo 48 giorni alle urne. Il nome su cui si concentrano i rumors e’ quello della deputata Beatrice Lorenzin. Sarebbe lei alla fine, a quanto si dice, il nome in grado di riunire i consensi delle correnti del centrodestra laziale. Certo piu’ di Francesco Storace, il leader de La Destra ‘incoronato’ da Silvio Berlusconi sotto Capodanno. Ma dopo lo stop dei quadri locali, che hanno rivendicato al Pdl la scelta del candidato, anche il Cavaliere sta riflettendo. E attende la proposta del partito laziale per poterla approvare. Lorenzin sarebbe in vantaggio sugli altri nomi emersi in questi giorni e del resto non ancora tramontati (Cutrufo, Matone, Angelilli, Moffa). Stefano De Lillo, il senatore ex Fi che a rigore fu il primo a proporsi gia’ mesi fa, oggi non a caso ha ”rinnovato la disponibilita’ a candidarsi alla presidenza, nel segno dei valori cattolico-liberali in ticket con una rappresentante del mondo femminile”. Gianni Alemanno e Renata Polverini da parte loro non hanno confermato l’ipotesi Lorenzin (”nulla ancora e’ stato deciso”), ma di certo non l’hanno smentita. ”Bisogna mettere in campo – secondo il sindaco di Roma – il candidato che riesca a interpretare le esigenze della societa’ civile e le spinte migliori della politica”. La governatrice uscente ha di certo simpatia per il rosa (”sono donna e ho sempre sostenuto le donne”), e del resto Lorenzin fu la sua portavoce in campagna elettorale nel 2010. Ma anche lei rifiuta il totonomi: ”Apprezzo tutti i possibili candidati”. Bisognera’ pero’ fare i conti con Francesco Storace, che oggi, in piena campagna elettorale, era nel Reatino per incontrare agricoltori, espositori e visitatori del mercato di Osteria Nuova, e non sembra affatto intenzionato a ritirarsi. Anzi: potrebbe attirare a se’ una parte del Pdl. Per il Pd pero’ e’ la dimostrazione che ”la candidatura forte e vincente di Nicola Zingaretti – ha affermato il segretario romano Marco Miccoli – ha fatto implodere la destra: tutti chiedono un paracadute, corrono solo per limitare i danni”. Oltre a quello dell’ex presidente della Provincia (centrosinistra) e dell’ex ministro della Sanita’ (La Destra), i cittadini del Lazio dovrebbero trovare sulla scheda anche i nomi di Giulia Bongiorno (Lista Monti), Davide Barillari (M5S), Simone Di Stefano (CasaPound), Alessandra Baldassari (Fermare il declino) e Francesco Pasquali (Ragione Lazio). Oltre naturalmente al nome del Popolo della Liberta’ che sara’ reso noto nelle prossime ore.

Ti potrebbero interessare anche:

Follia rom a Parco Leonardo. In due sfidano la polizia, fuga a tutto gas fino allo schianto
METRO C/ Sotto San Giovani trovato mega bacino idrico della Roma imperiale
Paura sulla metro, si tamponano due convogli della Linea B. Ventuno i feriti
Al via i lavori di "rigenerazione urbana" di Corviale
Roma, riparte la protesta negli asili nido. Scuole a rischio
Raggi: «Le aziende private possono “adottare” le rotonde»



wordpress stat