| categoria: attualità, economia

McDonald’s, creiamo tremila nuovi posti di lavoro

“Dietro queste pagine sui maggiori quotidiani si nasconde un’assunzione di responsabilita’ da parte nostra. In questo momento di particolare crisi per il Paese, mettiamo sul tavolo 3mila nuovi posti di lavoro e, indirettamente, invitiamo altre aziende e le istituzioni a darsi da fare. E mettiamo al centro dell’attenzione cio’ che e’ contenuto nel primo articolo della Costituzione italiana e che dovra’ essere al centro dell’agenda politica nei prossimi mesi e anni: il lavoro”. Cosi’ Tommaso Valle, responsabile comunicazione di Mc Donald’s Italia, spiega a Labitalia gli obiettivi della campagna di comunicazione lanciata dall’azienda per annunciare la creazione di 3mila nuovi posti di lavoro nel Paese nei prossimi tre anni, di cui 1.100 in quest’anno. ‘L’Italia e’ una Repubblica democratica fondata sul lavoro’. E’ il primo articolo della Costituzione a ‘campeggiare’ sulla campgna di comunicazione della multinazionale. “Oggi sotto l’insegna Mc Donald’s in Italia -spiega Valle- convivono due realta’: quella della multinazionale presente in tutto il mondo, e quella dei piccoli imprenditori licenziatari dei nostri ristoranti in tutta la Penisola. Abbiamo 16.700 dipendenti, ci sentiamo parte integrante di questo Paese”. McDonald’s Italia conta di aprire nei prossimi 3 anni 100 nuovi ristoranti sul territorio nazionale. I 3.000 nuovi posti di lavoro annunciati prevedono, nella stragrande maggioranza, un contratto di inserimento di apprendistato, applicabile dai 18 ai 29 anni, che avra’ una durata media di 36 mesi: si passera’ cosi’ dai 16.700 dipendenti contati nel 2012 a quasi 20.000 nel 2015. La meta’ di queste nuove assunzioni verranno fatte nelle regioni del Centro-Sud della Penisola. Una scelta, quella di McDonald’s, che segue una logica ben precisa, spiega Valle, “perche solo con il lavoro si fa ripartire il Paese: noi ci assumiamo le nostre responsabilita’ e invitiamo anche altri a farlo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Omicidio Gucci, Patrizia Reggiani esce dal carcere (per sempre)
Visco assicura, nessuna vulnerabilità del sistema bancario italiano
Quando l'Inps rivuole indietro un cent
Fiat, dal 2014 produrrà il Ducato nella fabbrica russa Zil
Forconi, terzo giorno di protesta. Disagi anche a Roma
Fisco: consumatori, 34,9 miliardi di tredicesime



wordpress stat