| categoria: attualità, economia

Segnalazioni on-line anti evasione triplicate in un anno

Boom di segnalazioni online contro l’evasione fiscale. Sono triplicate in un anno. A tenere la contabilita’ e’ il sito evasori.info, i cui dati, rielaborati dall’Adnkronos, fotografano il fenomeno in tempo reale attraverso le denunce spontanee: alle 13 del 6 gennaio sono 854.681 per 129.284.347,61 euro. I numeri, tre volte superiori, si confrontano con quelli di un anno fa: il 2 gennaio 2012 erano 283.853 per 46.295.758,43 euro. Nel mirino degli italiani finiscono i comportamenti quotidiani, spesso all’insegna dell’evasione totale: dal caffe’ al bar alla cena al ristorante, passando per le prestazioni di dentisti, idraulici ed elettricisti, concessionari e meccanici auto e moto. I settori che ‘guadagnano’ piu’ segnalazioni sono i servizi finanziari e quelli immobiliari. Seguono a ruota medici e dentisti. Perche’ interi piani tariffari possono essere declinati secondo il doppio binario: migliaia di euro con regolare fattura, oppure migliaia di euro, ma un po’ di meno, con una qualche fattura ogni tanto. Altrettanto gettonati i bar e i ristoranti. Il caffe’ e cornetto, per iniziare la giornata, senza scontrino. E poi la pizzeria che scrive il conto a penna direttamente sulla tovaglia di carta o l’agriturismo che non registra gli ospiti, cosi’ puo’ fare lo sconto. Ancora, e in questo caso le somme aumentano, ci sono i lavori di ristrutturazione di casa: l’impresa non vuole assegni, solo contanti. Lo impongono i fornitori, e’ la giustificazione che ricorre. I maggiori evasori risultano, nell’ordine: 1) servizi finanziari in provincia di Como 2) immobiliari in provincia di Milano 3) pubblicitari in provincia di Roma 4) medici e dentisti in provincia di Napoli 5) medici e dentisti in provincia di Roma 6) rivenditori e meccanici auto e moto in provincia di Roma 7) immobiliari in provincia di Roma 8) ristoranti in provincia di Milano – Ecco le principali somme evase per categoria, secondo le segnalazioni raccolte: – medici e dentisti 10,3 mln – immobiliari 8 mln – ristoranti 7,7 mln – costruzione di edifici: 7,1 mln – bar 6,8 mln – servizi per la persona 6,5 mln – rivenditori auto e moto 5,2 mln – commercio ingrosso 4,6 mln – studi legali, avvocati e notai 4,6 mln NNNN

Ti potrebbero interessare anche:

Maltempo/ Nubifragi al Sud e in Molise, allerta in Calabria fino a martedì
ENEL/ Ok a seimila prepensionamenti e tremila assunzioni
Primo incidente mortale con il pilota automatico. Autorità Usa aprono un'inchiesta
Cantone apre alla legalizzazione della cannabis
Pil, l'Istat lima le stime di crescita: +0,8% nel 2016 e + 0,9% nel 2017
Un milione di fedeli per Papa degli ultimi. "Abbracciamo i confini



wordpress stat