| categoria: Senza categoria, turismo

Anno nero, il 4,3% degli operatori turistici costretto a chiudere i battenti

Sarà ricordato come l’annus horribilis del turismo italiano: oltre il 76% delle imprese turistiche nel 2012 è stato colpito dagli effetti della crisi economica in corso.Due le dirette conseguenze: calo della clientela del 29,6% e del fatturato del 31%. Ma se tutta Italia piange, chi si dispera è il Sud – isole comprese – dove l’88,3% delle imprese ha avuto ripercussioni negative con un calo della clientela del 35,5% e del fatturato annuo del 36%. I dati arrivano da ‘Impresa turismo’, pubblicazione a cura dell’Isnart, sulla base di numeri forniti da Unioncamere e dall’Osservatorio nazionale del turismo. Il Nord Est riesce invece a contenere il calo di clientela e fatturato intorno al 25% mentre al Centro si ritiene colpito “soltanto” il 57,6% delle aziende. Come effetto della crisi il 3,4% delle imprese turistiche italiane è stata costretta a chiudere l’attività e il 60% ha ridimensionato i propri piani di investimento dato che sfiora il 73% nel Sud e nelle Isole.

Ti potrebbero interessare anche:

Balotelli o Drogba, il Milan è a caccia del colpo
Consumi: Coldiretti, si spende piu' per l'acqua che per l'olio
Comune scorretto, Esercenti non vanno all'appuntamento sul nuovo regolamento per l'occupazione di su...
FCA/ Domani cda a Londra, ultimi conti con la Ferrari
SANREMO/ Conti-De Filippi, larghe intese e grandi ritorni
Neve e sport, ecco gli impianti dove già si può sciare



wordpress stat