| categoria: sanità

E se lo stipendio dei medici dipendesse dal giudizio dei pazienti? A NY ci provano

Test negli ospedali di New York: chi cura meglio guadagna di più. Gli stipendi dei medici delle strutture ospedaliere della Grande Mela dipenderanno dai voti assegnati loro dai pazienti. Insorge il sindacato dei dottori: “Non tutto dipende dal nostro lavoro”. Alla base della discussione l’obiettivo di ridurre i costi della sanità e tutelare maggiormente i cittadini. L’obiezione: “I cattivi risultati sono dovuti anche agli infermieri, ai posti letto e al tipo di struttura in cui si presta la cura”. I medici che lavorano negli ospedali di New York, scrive Massimo Gaggi sul Corriere della Sera, sono impegnati in questi giorni in un duro negoziato per definire un nuovo sistema retributivo basato sui risultati ottenuti anziché sul volume dei servizi prestati. Molti critici, esterni alla trattativa, avvertono che tutti i criteri oggettivi di efficienza, in medicina possono essere facilmente aggirati: in buona o cattiva fede. Una cartella clinica di un iperteso può essere “interpretata”, se non alterata, scegliendo come dato di riferimento quello più basso tra i tre controlli giornalieri della pressione.
Il confronto avviato a New York dagli 11 ospedali pubblici della città anticipa l’attuazione della riforma sanitaria di Barack Obama che tra meno di un anno introdurrà meccanismi di remunerazione degli ospedali basati su precisi “benchmark” di misurazione dei risultati clinici ottenuti.

Ti potrebbero interessare anche:

ISTAT/ In Italia 3,5 posti letto ogni mille abitanti
Su Groupon la sanità low cost: 10 ecografie a 69 euro
ABRUZZO/ Riprende l'iter del nuovo ospedale di Avezzano, a Tagliacozzo riapre il 3° piano
LEA, Marche al top nella classifica del ministero
MINISTERO CHIUDE PUNTO NASCITA SULMONA
Vent'anni di Race for the cure, 17 milioni di euro per 850 progetti



wordpress stat