| categoria: attualità

Otto morti per amianto alla Grandi Motori, indagati 4 dirigenti

La Procura della Repubblica ha concluso le indagini su otto decessi per mesotelioma pleurico di lavoratori della Grandi Motori Trieste. Secondo quanto appreso dall’ANSA, le notifiche di conclusioni indagini sono andate a 4 ex dirigenti, indagati per omicidio colposo e cooperazione colposa. Le esposizioni a amianto vanno dal 1971 al 2000.
Gli indagati sono il direttore generale della Grandi Motori (GMT) negli anni dal 1970 al 1977, il presidente e amministratore delegato della Grandi Motori dal 1977 al 1984, il direttore generale e amministratore delegato di Fincantieri (Divisione Grandi Motori) dal 1984 al 1992 e un membro del consiglio di amministrazione di Fincantieri dal 1984 al 1994. La Procura contesta ai quattro di non aver posto in essere misure per la sostituzione dell’amianto, di non aver dotato gli ambienti di lavoro di impianti fissi e mobili per l’aspirazione e di non aver posto l’amianto in ambienti separati. Ancora, ai lavoratori non sono state date informazioni sui pericoli e nemmeno fornite le mascherine. I lavoratori morti per amianto erano attivi in vari reparti: saldatori, collaudatori e attività manutentiva. La proprietà dello stabilimento della Grandi Motori è più volte passata di mano: dal 1966 al 1972 è stato di Fiat-Iri, dal 1972 al 1982 di Grandi Motori Trieste (dal 1975 totalmente trasferita all’Iri), dal 1984 al 1998 di Fincantieri, dal 2000 é della multinazionale finlandese Wartsila.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Ti potrebbero interessare anche:

Collettivi all'attacco, Visco contestato all'università di Firenze
BOX/ Grecia, i voti dei partiti e il nuovo parlamento
Papa Francesco: niente porte blindate, usciamo verso gli altri
La salma di Regeni è arrivata a Roma. Lontani dalla verità
Napoli, tir travolge operai che lavorano sulla strada: tre morti e due feriti
Eutanasia, dj Fabo in Svizzera per morire



wordpress stat