| categoria: attualità, esteri

Algeria: Al Qaida attacca un sito petrolifero, 41 stranieri in ostaggio

Un commando terroristico legato ad al Qaida ha attaccato questa mattina il sito petrolifero di In Amenas, del consorzio Sonatrach-BP-Statoil, a Tiguentourine nel Sud-Est dell’Algeria, uccidendo due persone (sarebbero un francese e un inglese) e ferendone cinque. La brigata di Al Qaida nel Maghreb islamico guidata da Moctar Belmoctar, ha rivendicato il rapimento di 41 stranieri dal campo petrolifero algerino. Secondo il sito del quotidiano algerino el Watan, tra gli ostaggi ci sarebbero “sette americani, due francesi, dei britannici e dei giapponesi”. La BP ha riferito che uomini armati sono al momento ancora presenti nel sito petrolifero attaccato, che si trova al confine con la Libia.
“Un incidente terroristico è in corso nei pressi della città di Ain Amenas presso un impianto petrolifero, alla frontiera algerina con la Libia”, lo scrive il Foreign Office in un comunicato diffuso poco fa.Il Ministero dell’Interno algerino ha comunicato che uno dei feriti nell’attacco di oggi al campo petrolifero è deceduto. Si tratta di un britannico, di cui non é stata resa nota l’identità. L’inglese è la seconda vittima dell’assalto. Altre cinque persone sono state ferite.Un gruppo legato ad Al Qaida ha rivendicato l’attacco di questa notte al sito petrolifero algerino di In Amenas, nei pressi della frontiera con la Libia, e il rapimento di sei stranieri. Lo riferisce l’agenzia mauritana Ani. A mettere a segno il sequestro, secondo l’Ani, sarebbe stata una ‘brigata’, costituita nei giorni scorsi ed operativa ai confini del Mali proprio per ideare azioni contro l’intervento militare internazionale. Il nome che la katibat avrebbe è quella dei Moulathamine, cioé dei ‘portatori di turbante’ o ‘dei mascherati’, che, contrariamente a quanto asserito dall’Ani, ha una lunga e sanguinaria storia alle spalle, quando era comandata da uno dei più feroci emiri del terrorismo islamico, Khaled Abu Al Abass, più conosciuto col nome di battaglia di Moctar Belmoctar, ‘dimissionato, dal capo di al Qaida nel Maghreb islamico, Waddoud Droukdel, per essersi allontanato dalla ,inea ufficiale del movimento. In particolare, l’allontamento di Al Abbas sarebbe stato deciso (e, abbastanza inusualmente, abbastanza pubblicizzato) perché si era allontanato dalla direttrici di Aqmi, per imboccarne una dichiaratamente militare. Il sequestro di questa mattina da parte dei ‘portatori di turbante, ora comandati dall’emiro Belawar, sarebbe opera di un battaglione intitolato a Abderrahim Almouritani (al secolo Teyab Ould Sidi Ali), uno dei capi di Aqmi morto mesi fa in un misterioso incidente stradale nel deserto.
Non ci sono italiani coinvolti nell’attacco di stamani al campo petrolifero di Tigantourine nella regione di In Amenas, in Algeria, da parte di un gruppo di terroristi. riferisce la Farnesina.

Ti potrebbero interessare anche:

Mps crolla in Borsa, lo scandalo fa tremare il sistema
Più di una finanziaria: 56 miliardi di ricavi non dichiarati al fisco nel 2012
Datagate, 007 britannici spiavano i diplomatici negli hotel
Ucraina, Kiev chiede aiuto all'Onu
Isis: "Libia è la porta per Roma". Nuove minacce all'Italia su Twitter
NIZZA/ Il Ministero ha "suggerito" al capo della sorveglianza di coprire il buco nella sic...



wordpress stat