| categoria: esteri, Senza categoria

Fuga dalla Libia, i governi europei invitano i connazionali a lasciare il paese

Si allunga la lista dei paesi che invitano i loro connazionali a lasciare la Libia e la città di Bengasi a causa di una “specifica minaccia per gli occidentali” conseguente all’intervento francese nel Mali. La Svizzera e il Canada si sono aggiunti a Gran Bretagna, Germania, Paesi Bassi e Australia. L’Italia aveva invitato i connazionali a lasciare Bengasi già qualche settimana fa, dopo l’attentato al console italiano. Secondo fonti britanniche gli islamisti avrebbero minacciato attentati ad obiettivi occidentali simile a quello lanciato contro il colsolato Usa dell’11 settembre 2012, quando furono uccisi l’ambasciatore Usa Christopher Stevens e altre tre persone.
Bengasi è stato dai tempi della guerra contro Gheddafi e negli ultimi due anni uno dei principali centri di raccoltra per gli estremisti islamici e combattenti di Al Qaeda. Un alto ufficiale dell’esercito algerino, le cui affermazioni sono state ripresa da AsiaNews, ha affermato che gli organizzatori dell’atten tato al consolato di bengasi somno gli stessi dell’attacco all’impianto di gas algerino a In Amenas che ha provocato al morte di 38 ostaggi stranieri e 29 terroristi islamici. Il gruppo reclutato da Mokhtar Belmoktar comprendeva anche numerosi jihadisti egiziani attivi in Libia.

Ti potrebbero interessare anche:

Siria, dopo cinque mesi liberato il giornalista Quirico
Turista italo-svizzero ucciso da un pugno nel Bronx
Donald Trump, ancora polemiche: caccia da una conferenza stampa un giornalista messicano
"Ucciso per vedere l'effetto che fa"
Alfie, sospese le procedure per il distacco della spina. L'Italia dà la cittadinanza al bimbo
CORRUZIONE: ASL ROMA 1, ISPETTORI GIÀ SOSPESI DAL SERVIZIO, CI COSTITUIREMO PARTE CIVILE



wordpress stat