| categoria: attualità, esteri, Senza categoria

Protesta anti Shell al forum di Davos

Le grandi manifestazioni di protesta contro i “padroni del mondo” che si riuniscono ogni anno a Davos stanno diventando solo un ricordo ma alcuni volonterosi in servizio attivo ci sono sempre. Stamani, per esempio, alcuni attivisti di Greenpeace si sono incatenati alle pompe di benzina di una stazione di servizio Shell – non lontana dal Forum economico mondiale di Davos (WEF) – in segno di protesta contro il progetto del gigante petrolifero anglo-olandese di ricerca di energie fossili nell’Artico. La polizia era presente sul posto, indica Greenpeace in un comunicato. L’organizzazione ambientalista esige dal WEF che riconsideri la partecipazione al Forum delle grandi aziende come Shell che sono responsabili di numerosi danni all’ambiente e chiede che si ritiri immediatamente alla compagnia petrolifera l’autorizzazione per partecipare al Forum.

Ti potrebbero interessare anche:

IL PUNTO/ Tunisia, la piazza laica in rivolta. Spaccato il partito islamico
Hollande cerca la riscossa e promette un'offensiva europea
GB: pedofilia, arrestato noto showman tv Rolf Harris
Gerusalemme, decisa la chiusura dei quartieri arabi contro la 'intifada dei coltelli'
Terrorismo, scoperta choc: ecco dove sono stati progettati gli attentati di Parigi
Turchia, Wikileaks pubblica 295mila email dell'Akp, il partito del presidente Erdogan



wordpress stat