| categoria: politica

SHOAH/ La comunità ebraica: “Falso e sconcertante”. Rivolta contro le frasi del Cavaliere

Le parole di Silvio Berlusconi alla commemorazione della Giornata della Memoria hanno scatenato una pioggia di polemiche. Parlando del fascismo, il Cavaliere ha detto che “le leggi razziali” sono state “la peggiore colpa di Mussolini, che per tanti altri versi invece aveva fatto bene” e che l’Italia fu in qualche modo costretta a seguire i nazisti per non trovarseli nemici. Parole che pesano nel giorno in cui si ricordano le vittime della Shoah. E i commenti non si sono fatti attendere. La reazione delle comunità ebraiche. “Le dichiarazioni rilasciate di Silvio Berlusconi appaiono non solo superficiali e inopportune – ha detto Renzo Gattegna, presidente dell’Unione delle comunità ebraiche italiane – , ma, là dove lasciano intendere che l’Italia abbia deciso di perseguitare e sterminare i propri ebrei per compiacere un alleato potente, anche destituite di senso morale e di fondamento storico”. Parlando alla fine della cerimonia milanese, Gattegna ha ricordato che “le persecuzioni e le leggi razziste antiebraiche italiane hanno avuto origine ben prima della guerra e furono attuate in tutta autonomia sotto la piena responsabilità dal regime fascista, in seguito alleato e complice volenteroso e consapevole della Germania nazista fino a condurre l’Italia alla catastrofe”. “Furono – ha sottolineato Gattegna – azioni coerenti nel quadro di un progetto complessivo di oppressione e distruzione di ogni libertà e di ogni dignità umana”.”Le sconcertanti dichiarazioni – ha concluso Gattegna – secondo le quali, nel corso della Shoah, da parte italiana ‘ci fu una connivenza non completamente consapevole’ e le ‘responsabilità assolutamente diverse’ rispetto a quelle tedesche, sono da respingere e dimostrano quanto ancora l’Italia fatichi, al di là delle manifestazioni retoriche, a fare seriamente i conti con la propria storia e con le proprie responsabilità”.

Dal campo politico, il primo ad attaccare il leader del Pdl è stato il segretario di Rifondazione comunista, Paolo Ferrero: “Berlusconi è vergognoso: Mussolini non solo ha fatto le leggi razziali ma ha combattuto con Hitler, i fascisti italiani hanno collaborato attivamente alle deportazioni, quindi Mussolini è responsabile in solido dell’Olocausto”. “Le parole di Berlusconi sono una vergogna e un insulto alla storia e alla memoria. Chieda oggi stesso scusa agli italiani”, scrive su Twitter il capogruppo del Pd alla Camera, Dario Franceschini. Gli fa eco il capogruppo del Pd al Senato Anna Finocchiaro: “Le parole di Berlusconi sono inaudite. Le colpe di Mussolini e del suo regime non sono solo le atroci leggi razziali, ma molte altre cose a cominciare dal soffocamento della democrazia nel nostro paese e dall’alleanza con il nazismo”. Dura anche l’europarlamentare del Pd Deborah Serracchiani: “E’ semplicemente disgustoso che proprio nel Giorno della Memoria Berlusconi si metta a fare distinguo e a riabilitare l’opera del dittatore che ha trascinato l’Italia nella Seconda guerra mondiale”.

Ti potrebbero interessare anche:

Gori si candida (nelle file del Pd) a sindaco di Bergamo
Draghi e Visco, all'Italia servono riforme e stabilità
Territorio, al via alla camera l'esame ddl per i piccoli comuni
REGIONALI/ Ufficio presidenza di Fi per il varo delle liste, assenti il Cav e Verdini
La procedura di nomina del governatore di Bankitalia
Cnel, il Governo lo resuscita, pronte 48 nomine



wordpress stat