| categoria: attualità, Senza categoria

Processo Ruby, i giudici tagliano la testimonianza della madre

I giudici del tribunale di Milano dopo quasi cinque ore di camera di consiglio, respingendo la richiesta della difesa di Silvio Berlusconi, imputato al processo Ruby, e accogliendo invece il parere dei Pm, hanno revocato la testimonianza della madre della giovane marocchina. I giudici in base alla cronologia di quanto accaduto in merito alla convocazione della donna, che oggi non si è presentata, hanno parlato di comportamento omissivo della difesa e quindi di tacita rinuncia al teste.Secondo i giudici, la difesa di Berlusconi con il suo comportamento “ha mostrato di non avere reale interesse alla testimonianza” di Zhara Yazhini in quanto “non si è adoperata ad assicurare la sua presenza all’udienza di oggi”. Per il tribunale i legali dell’ex premier nonostante stamani in aula avessero parlato di equivoco con la signora, dopo uno scambio di missive, non hanno più sostenuto le spese del viaggio aereo per la signora, la quale ha sempre affermato di non avere disponibilità economiche. Pertanto, secondo il collegio la difesa ha avuto un comportamento “omissivo” e così facendo avrebbe mostrato tacitamente rinunciato alla teste. I giudici davanti ai quali si sta celebrando il processo Ruby, hanno citato come teste per la prossima udienza, in calendario per il 4 febbraio, Annamaria Fiorillo, il pm dei minori che si occupò della giovane marocchina la notte del 27-28 maggio 2010 quando venne trattenuta in questura e poi ‘rilasciata’. Il Pm quella notte non autorizzò l’affidamento della minorenne, la quale invece, dopo una telefonata dell’ex premier, se ne andò con Nicole Minetti.
” IL CASO” – Lo ha spiegato, con un fax inviato al Tribunale di Milano questa mattina, Zhara Yazhini, la madre di Ruby. La signora stamani prima ancora dell’apertura dell’udienza ha inviato ai giudici una lettera con la quale ha spiegato di voler deporre in aula ma di essere impossibilitata perché l’agenzia di viaggi di Letojanni (Messina), non ha ricevuto l’autorizzazione dello studio Ghedini-Longo al pagamento del biglietto aereo che aveva già prenotato. E pertanto la signora ha fatto sapere di aver disdetto il volo “non avendo la possibilità economica” di pagarlo di tasca propria. La difesa di Berlusconi, oggi rappresentata dall’avvocato Paola Rubini, stretta collaboratrice degli avvocati Ghedini e Longo, ha affermato in aula che probabilmente c’é stato un equivoco in quanto era stata data l’autorizzazione al pagamento del viaggio ma poi la signora non ha fatto più sapere nulla. In sostanza i difensori erano convinti che oggi la madre di Ruby si sarebbe presentata in aula tant’é che per oggi hanno già convocato l’interprete.

RIPRODUZIONE

Ti potrebbero interessare anche:

Idi/2 - I frati della Congregazione: noi, parte lesa
Boom agriturismi, Abruzzo prima per nuove aperture
Trasporti, raffica di scioperi in arrivo
Tassista violentata da un cliente è caccia all'uomo. Diffuso l'identikit
FRANCIA/ Sondaggio, il 67% vorrebbe un governo di tecnici
La tragedia dei treni in Puglia, potrebbe esserci stato un ritardo su uno dei due treni



wordpress stat