| categoria: sanità Lazio

Da Alatri a Roma due bambine in codice rosso trasportate nella capitale. Un buco nella rete dell’emergenza?


Come funziona l’emergenza. Dalla Ciociaria al Gianicolo con l’ambulanza in codice rosso due piccole intossicate percorrono 120 chilometri prima del ricovero. Ancora gravissime le condizioni delle bambine ricoverate al Bambino Gesù di Roma dopo aver respirato il monossido di carbonio a seguito dell’incendio divampato in casa forse per un corto circuito di un elettrodomestico.

Erano le 22 quando ieri sera un incendio e’ divampato in un appartamento ad Alatri. Nel rogo sono rimaste ferite quattro persone, la madre, la nonna e due bambine di 18 mesi e 4 anni. Le fiamme sono divampate con tutta probabilità per il malfunzionamento del sistema elettrico. Le due bambine, che stavano dormendo al primo piano, devono la vita al tempestivo intervento dei vicini di casa. L’abitazione, in pochi minuti, si e’ riempita di fumo. Il papà, che si trovava al piano di sotto, non si è accorto di nulla. E’ stata proprio una vicina, capita la gravità della situazione, a trasportarle al pronto soccorso dell’ospedale di Alatri, uno degli ospedali fortemente ridimensionati dal piano di rientro della Regione Lazio , dove i medici le hanno sottoposte alle prime cure prima di trasferirle in ambulanza con codice rosso a Roma. Sul posto sono intervenuti carabinieri per le indagini e i vigili del fuoco che per domare le fiamme hanno impiegato circa due ore.

Secondo il bollettino medico dell’ospedale Bambino Gesu’, «La condizione delle due bambine giunte all’ospedale Pediatrico Bambino Gesù questa notte verso le 2 dall’ospedale di Alatri e’ particolarmente grave. Entrambe sono ricoverate in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva del Dipartimento di Emergenza».
In Ciociaria vietato stare male. «A Frosinone e provincia non esiste un servizio di eliambulanza per le emergenze, mentre nel Lazio ci sono tre postazioni: Latina, Viterbo e Roma», ha dichiarato l’Ares 118 a proposito della vicenda. Le due piccole, già in gravissime condizioni, sono state trasportate da Altri all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma in ambulanza percorrendo oltre 120 chilometri in codice rosso. Ci sono volute 4 ore prima che fossero ricoverate le bambine. Chi avrebbe deciso, allora, di non servirsi dell’eliambulanza della postazione di Latina che avrebbe potuto atterrare all’ospedale di Frosinone (che dista 20 minuti da Alatri) in soli 10 minuti e ripartire per Roma? Il frusinate, con questo drammatico caso, riporta alla ribalta con decisione la questione dell’emergenza e del Dea di secondo livello. St.Pas. Online News – Tutti i diritti riservati

Ti potrebbero interessare anche:

Gravemente ustionata a Tivoli viene ricoverata a Genova. A Roma non c'è posto?
IL PUNTO/ Il bluff del Pronto Soccorso, meno accessi ma maggiori tempi d'attesa. Alla faccia del'eff...
IL CASO/ Nell'inferno dei Pronto Soccorso c'è anche l'emergenza materassi
Ospedale Vannini, dipendenti senza stipendio, la rivolta è dietro l'angolo
Vaccini Lazio/ “Al via anno scolastico senza problemi. Già 90 mila le prenotazioni”
Vaccini, niente autocertificazione: a Latina basta un click per avere l'attestazione Asl



wordpress stat