| categoria: attualità, economia

Bankitalia sapeva delle irregolarità di Mps dal 2008

La Banca d’Italia ha vigilato sul Monte dei Paschi di Siena, con la scoperta di irregolarità contabili fin dal 2008. Come riportato dall’agenzia Bloomberg, l’ex management di Monte dei Paschi ha ostacolato gli sforzi degli ispettori della Banca d’Italia nel determinare la vera natura e i rischi delle transazioni, ora incriminate.
Nel 2008 la Banca d’Italia, guidata all’epoca dall’attuale presidente della Bce Mario Draghi, espresse – ricorda Bloomberg – la propria preoccupazione per lo stato delle finanze di Mps, quando esaminò l’operazione con Antonveneta. Ma solo a partire dal 2010 ne scaturirono due indagini approfondite. Ancora due anni dopo la Banca Centrale decise poi di notificare nel marzo 2012 le irregolarità rilevate alle autorità. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

La burocrazia italiana brucia 30 miliardi all'anno
Pubblicità, si cambia. La Stampa si affida a Rcs
MERCATO AUTO/Europa inizia anno in rialzo, a gennaio + 5,2%
Genova, notte di paura, i temporali allagano la città
Grecia, riaprono le banche dopo tre settimane di chiusura
Tegola per la Toyota, richiamate 6,5 milioni di auto



wordpress stat