| categoria: attualità

STATO-MAFIA/ “Mancino destinatario del papello”, lo dice Brusca

Giovanni Brusca in aula accusa l’ex ministro Nicola Mancino e afferma che Salvo Lima sarebbe stato ucciso per colpire Giulio Andreotti. “Mancino era il destinatario finale del ‘papello'”, il documento con le richieste di Cosa Nostra allo Stato per fermare le stragi. Lo ha detto l’ex pentito davanti al Gup di Palermo Piergiorgio Morosini nell’udienza preliminare per la trattativa Stato-mafia, in cui è tra gli imputati. Il ‘papello’, che conteneva le condizioni del boss corleonese Totò Riina, sarebbe stato affidato all’ex sindaco mafioso di Palermo, Vito Ciancimino all’epoca in cui Mancino era ministro dell’Interno. Nel procedimento, Mancino è imputato solo di falsa testimonianza, e ha sempre negato di aver mai saputo nulla della trattativa.
Brusca, che ha accettato di essere interrogato dal Gup benchè in quanto imputato avrebbe potuto avvalersi della facoltà di non rispondere, ha sostenuto anche che per fare pressioni sulla politica gli era stato affidato l’incarico di assassinare l’ex ministro Dc del Mezzogiorno, Calogero Mannino. Poi i capimafia gli avrebbero chiesto di sospendere il piano per l’omicidio. La tesi della Procura è che Mannino abbia assunto un ruolo nella trattativa proprio nel timore di essere ucciso. L’ex ministro ha chiesto e ottenuto di essere processato col rito abbreviato e la sua posizione è stata perciò styralciata. “Nel 1992 Totò Riina, tramite Salvatore Biondino, mi diede l’incarico di uccidere Calogero Mannino ma poi l’incarico mi venne revocato” ha anche detto Brusca durante la deposizione. Secondo i magistrati l’incarico venne revocato perchè Mannino sarebbe stato tra i protagonisti della trattativa tra Stato e mafia per fare cessare la strategia stragista di Cosa nostra. Secondo Brusca l’eurodeputato della Dc Salvo Lima fu ucciso dalla mafia per colpire indirettamente il capo della sua corrente, Giulio Andreotti. “Con l’omicidio Lima si voleva colpire politicamente Andreotti”, ha affermato Brusca, sentito a Roma nell’aula di Rebibbia.

Ti potrebbero interessare anche:

Ingroia: non escludo un mio rientro in politica
"Operazione Libertà", tre milioni a De Gregorio per sabotare il governo Prodi?
Giornata memoria, oggi si ricordano vittime olocausto
IMMIGRATI/ Croce Rossa, è una carneficina. L'Europa non può più tacere
Dopo Google arrivano le mappe di Uber
Migranti, 64 sbarcano a Malta: «Andranno in Germania, Francia, Portogallo e Lussemburgo».



wordpress stat