| categoria: sanità Lazio

Sos Capodarco, Storace visita il Recup

Francesco Storace visita il Recup di via Ostiense, centro di prenotazioni delle prestazioni sanitarie, e garantisce impegno e interesse per il futuro del progetto. Il candidato governatore del Lazio per il centrodestra e leader de la Destra, nel corso di un’assemblea con i lavoratori, accoglie l’allarme di un delegato sindacale della Uil Fpl che afferma: ”La Regione non paga da un anno, la gente e’ esasperata e ora c’e’ il rischio concreto che saltino gli stipendi di gennaio”. Al termine dell’incontro, il presidente della Capodarco (che gestisce il Recup) Maurizio Marotta spiega: ”Come servizio Recup noi prenotiamo prestazioni sulla base delle disponibilita’ che ci danno le aziende sanitarie, Asl e Ospedali pubblici, che in questi le hanno ridotte. Attualmente prenotiamo il 20% dell’ offerta disponibile, un altro 20% viene prenotato attraverso i Cup e il restante 60% viene effettuato senza prenotazione con l’accettazione diretta di persone che non fanno la fila. C’e’ una disposizione regionale, introdotta proprio dall’ amministrazione Storace, secondo cui il 70% delle prestazioni ambulatoriali che erogano Asl e ospedali pubblici deve essere prenotato attraverso Cup e Recup ma cosi’ non avviene”. Storace promette una verifica della situazione pagamenti e parlando ai lavoratori ricorda: ”Il Recup e’ una delle creature della nostra amministrazione. Ho saputo delle difficolta’ degli ultimi tempi e vi ringrazio per tutto il lavoro che avete fatto nonostante tutto. Dobbiamo mettervi nelle condizioni di lavorare. Nel nostro programma c’e’ anche un riferimento al Recup, servizio che credo debba avere un’espansione”. Il sindacalista della Uil annuncia che domani molto probabilmente si svolgera’ una assemblea di protesta davanti alla Regione. ”Aspettiamo una delibera che dovrebbe andare oggi in giunta. – spiega – per sbloccare i pagamenti”. Marotta aggiunge: ”Non veniamo pagati da piu’ di un anno per prestazioni fatte da gennaio 2012”. Poi Ricorda che ”Capodarco impiega nel Lazio circa 1900 persone, di cui 700 al Recup. Abbiamo dovuto ridurre gia’ di 200 persone e ora, con la legge di stabilita che impone la riduzione del 10% di prestazioni, probabilmente ne dovremo ridurre altre 200. Speriamo di no…”. Insieme a Storace alla visita partecipa anche il candidato de La Destra alla Pisana Fabrizio Santori.

Ti potrebbero interessare anche:

De Lillo (PDL), fare chiarezza sulla distribuzione dei fondi per la ricerca all'Idi
Assotutela, a quando l'avvio nel Lazio della ricetta elettronica?
Sla, Zingaretti non fa la doccia gelata. Regione Lazio in campo con 5,4 milioni
Ticket, la Regione conferma: “Al via recupero pagamenti evasi per 50 milioni"
Aperta a Zagarolo la decima Casa della Salute
ASLROMA4 /Santa Severa, direttori sanitari “a scuola di umanità”



wordpress stat