| categoria: attualità, Senza categoria

Un “giallo” sulle cadute e sulla salute di Provenzano

Il trasferimento del boss Bernardo Provenzano al carcere di Parma e gli incidenti avuti dal capomafia durante la detenzione sono al centro degli accertamenti disposti dal gup Piergiorgio Morosini, che celebra l’udienza preliminare sulla trattativa Stato-mafia, in cui boss corleonese e’ imputato. Il giudice ha chiesto al Dap, oltre al video dell’intervento degli agenti penitenziari del 9 maggio, quando il boss fu trovato in cella con un sacchetto in testa, tutti i rapporti carcerari sulle sue condizioni di salute e i referti medici delle cadute: l’ultima e’ costata al detenuto un ematoma cerebrale. In piu’ il gup vuole sapere se nelle celle degli istituti di pena di Terni e Novara, in cui il capomafia era detenuto prima di essere portato a Parma, c’erano impianti di videosorveglianza. Dai primi accertamenti, infatti, e’ emerso che nel carcere di Parma non ci sono telecamere nelle celle ma solo nei corridoio. Dopo l’episodio del sacchetto, inizialmente ritenuto un tentativo di suicidio, il Dap ha chiesto che venisse montata un’apparecchiatura di videosorveglianza. Prassi, peraltro, applicata ad altri capimafia come Toto’ Riina. Obiettivo della verifica e’ capire se fosse mai stata piazzata una telecamera nelle celle in cui e’ stato recluso il capomafia, dal momento dell’arresto (11 aprile 2006), dato che in occasione del presunto tentativo di suicidio di cui “Binu” sarebbe stato protagonista, la notte tra il 9 e il 10 maggio scorsi, le uniche riprese furono fatte all’esterno della cella. Nessuna immagine e’ stata poi ripresa il 12 dicembre, quando il detenuto, probabilmente a causa di un malore, cadde in cella, procurandosi un ematoma. La Procura di Palermo sta cercando di capire se qualcuno abbia attentato alla vita di Provenzano, per impedirgli di rivelare quel che sa sulla trattativa. Alcune immagini dei momenti-clou del presunto suicidio di nove mesi fa, riguardanti sempre l’esterno della cella, furono trasmesse dal Tg1, ma il video fornito oggi dalla Rai era “tagliato” per esigenze giornalistiche e dunque il Gup ha chiesto di avere le riprese integrali.

Ti potrebbero interessare anche:

Istat, dal '77 ad oggi un milione e mezzo di disoccupati in più
Intesa l'addio di Cucchiani tiene banco, sarà Dg fino ad aprile
Social network, i nuovi padroni del tempo dei giovani
SMOG/ I vigili controllano le temperature, verifiche nei negozi
Pescara, duplice omicidio in casa. Caccia all'uomo
Ecco la guida del gelato italiano, 36 'coni' sono al top



wordpress stat