| categoria: salute

Vino e tè verde rallentano la progressione dell’Alzheimer

Estratti di te’ verde e vino rosso possono interrompere un meccanismo cellulare chiave nella progressione del morbo di Alzheimer. La scoperta della University of Leeds e’ stata pubblicata sulla rivista Journal of Biological Chemistry. I ricercatori hanno identificato il processo che permette agli accumuli dannosi di proteine di formarsi nelle cellule cerebrali, portandole poi alla morte.

Gli scienziati sono stati capaci di interrompere questo meccanismo usando estratti purificati di EGCG dal te’ verde e resveratrolo da vino rosso. Dopo aver formato aggregati proteine amiloidi i laboratorio e averle aggiunte a cellule cerebrali umane e animali, gli scienziati hanno scoperto che gli estratti da vino rosso e te’ verde facevano in modo che questi aggregati non avessero piu’ un effetto nocivo. ”Il prossimo passo sara’ comprendere come, esattamente, l’interazione delle proteine amiloidi con le cellule porti alla morte dei neuroni” ha spiegato Nigel Hooper, fra gli autori della ricerca.

Ti potrebbero interessare anche:

Sla, al via maxi studio su calciatori in Lombardia
Mal di testa, confermati i rischi per le donne e per i tecno-dipendenti
Colesterolo: per tutti nemico del cuore, vero killer per i nefropatici
Pediatria: monete e caramelle in gola, un bimbo a settimana perde la vita
Verso un 'test dell'udito' per diagnosi precoce Alzheimer
Bimbi più aggressivi se troppo coinvolti da super-eroi



wordpress stat