| categoria: salute, Senza categoria

Cadute e distorsioni, sulla neve le donne rischiano di piu’

Banali cadute sulla neve e sul ghiaccio, ma anche pericoli dovuti ad attivita’ sportive svolte senza attrezzatura e protezioni adeguate. Le donne sono piu’ esposte alle distorsioni, che le colpiscono in misura doppia (42,1%) rispetto agli uomini (23,7%). Secondo dati dell’Istituto superiore di sanita’ le distorsioni rappresentano il 32,8% degli incidenti totali sulla neve, seguono poi con il 27,4% le contusioni, le fratture (15,7%) e le lussazioni (8,7%). Incidenti che per le donne valgono doppio. ”Il corpo femminile ha delle caratteristiche diverse rispetto a quello maschile – spiega Silvia Malaguti, neurologa, specialista di disfunzioni pelvi-perineali del Centro Medico di Neurofisiologia e Biomeccanica applicata alle disfunzioni pelvi-perineali di Milano – che le espone a maggiori e piu’ frequenti problemi che possono favorire la progressione di un prolasso o altre disfunzioni della sfera uro-genitale”. Anche una banale scivolata con caduta finale sul fondoschiena e’ per le donne un problema molto piu’ serio. ”Cadere violentemente, su una lastra di ghiaccio o su di un gradino bagnato, – aggiunge Malaguti – puo’ determinare scompensi posturali molto piu’ frequentemente nelle donne che negli uomini e cio’ puo’ creare disturbi funzionali – continua l’esperta – come il dolore pelvi-perineale o disturbi vescicali con sintomi che ricordano la cistite. Dopo una caduta si possono manifestare persino difficolta’ a svuotare la vescica, dolore alla defecazione, ma anche disturbi della sfera sessuale”. Anche le donne che nel week end si lanciano in attivita’ sportive impegnative come lo sci o lo snowboard senza una preparazione adeguata o affaticando eccessivamente le strutture muscolari e scheletriche devono prestare particolare attenzione alle loro zone deboli, coccige e pavimento pelvico. Le conseguenze di una caduta in pista o di uno scontro con un altro sciatore, episodi frequenti in montagna in questo periodo, vengono spesso sottovalutate: ”Si applicano borse di ghiaccio e pomate a basi di antinfiammatori non steroidei che hanno la capacita’ di alleviare rapidamente il dolore, anche se per poco tempo. Quello che in pochi sanno – continua Malaguti – e’ che il colpo subito potrebbe aver provocato un trauma della colonna cervicale simile al colpo di frusta che si verifica nei tamponamenti. Questi incidenti ad alta quota possono dar vita a cefalea, instabilita’ posturale, vertigini, formicolii agli arti e dolori cervicali”. In caso di neve in citta’, il consiglio e’ di evitare di uscire di casa a piedi, se non necessario, e di indossare scarpe con la ”suola scolpita”, cosi’ da evitare cadute che possono avere conseguenze traumatiche per le ossa, soprattutto per quelle del bacino. ”Per praticare sport sulla neve – ricorda l’esperta – bisogna proteggere i punti piu’ fragili con imbottiture, indossare le protezioni per ginocchia e spalle, allacciare sempre bene gli scarponi e non fare mai a meno del casco. Ai primi segni di stanchezza, le donne dovrebbero rallentare o terminare l’attivita’ – conclude Malaguti – in quanto spesso hanno una resistenza e una sopportazione della fatica e del dolore maggiori rispetto uomini, che non sono pero’ supportate dalla stessa robustezza fisica”.

Ti potrebbero interessare anche:

Finalmente, Balotelli incanta Miami, il Milan si ritrova
Mezzo milione di italiani si ammala in ospedale, strategie contro super-bug
FI/ Ecco i ventotto del nuovo organigramma interno
Il "Caso Ciociaria" imbarazza Zingaretti, ma la conferenza dei sindaci poteva risparmiarse...
Antidepressivi. uso in gravidanza e rischio autismo
Anziani, arriva il 'welfare di condominio' in 7 regioni



wordpress stat