| categoria: Roma e Lazio, Senza categoria

Castel Sant’Angelo resta un suk, Fiamme Gialle impotenti

Castel Sant’Angelo e’ un monumento simbolo di Roma, probabilmente il piu’ importante dopo il Colosseo. Peccato che sia circondato da un vero e proprio suk, con decine di ambulanti abusivi che espongono la loro merce (contraffatta) per terra, impedendo quasi il passaggio ai pedoni. Se poi si arriva al monumento attraversando ponte Sant’Angelo, l’esperienza e’ piu’ unica che rara: sembra di stare al mercato di Marrakesh anziche’ nel cuore della citta’ eterna. Avvicinandosi a una volante della Guardia di Finanza ferma al lato dell’ingresso del castello, scendono due baschi verdi e, dopo avergli fatto notare che una situazione simile non e’ accettabile in un paese civile, rispondono molto gentilmente: “Sono gia’ tornati? noi li abbiamo portati via piu’ volte ma tornano sempre qui. Non possiamo farci niente perche’ vengono rilasciati. Le leggi non cia aiutano”. Lo scorso mese novembre il sindaco Gianni Alemanno aveva annunciato: “La polizia municipale di Roma Capitale, d’accordo con la prefettura e con la questura mettera’ a punto una task force per contrastare in modo ancora piu’ stringente il fenomeno del commercio abusivo nel centro storico”. Sono passati piu’ di due mesi, ma intorno a Castel Sant’Angelo nulla e’ cambiato. Quanto tempo dovra’ ancora passare prima che finisca un tale degrado assoluto intorno a questo gioiello, che in altri paesi tutelerebbero con le unghie e con i denti? Nei pressi del Louvre di Parigi o del British Museum a Londra non si vede nemmeno l’ombra di un commerciante abusivo.

CR

12/02/2013

19.04.19

Titoli Stampa

BENI CULTURALI: CASTEL SANT’ANGELO RESTA UN SUK, GDF IMPOTENTE

BENI CULTURALI: CASTEL SANT’ANGELO RESTA UN SUK, GDF IMPOTENTE (AGI) – Roma, 12 feb. – Castel Sant’Angelo e’ un monumento simbolo di Roma, probabilmente il piu’ importante dopo il Colosseo. Peccato che sia circondato da un vero e proprio suk, con decine di ambulanti abusivi che espongono la loro merce (contraffatta) per terra, impedendo quasi il passaggio ai pedoni. Se poi si arriva al monumento attraversando ponte Sant’Angelo, l’esperienza e’ piu’ unica che rara: sembra di stare al mercato di Marrakesh anziche’ nel cuore della citta’ eterna. Avvicinandosi a una volante della Guardia di Finanza ferma al lato dell’ingresso del castello, scendono due baschi verdi e, dopo avergli fatto notare che una situazione simile non e’ accettabile in un paese civile, rispondono molto gentilmente: “Sono gia’ tornati? noi li abbiamo portati via piu’ volte ma tornano sempre qui. Non possiamo farci niente perche’ vengono rilasciati. Le leggi non cia aiutano”. (AGI) Rma (Segue) 121905 FEB 13 NNNN

Ti potrebbero interessare anche:

Biblioteca Girolamini, svolta nelle indagini: sei arresti, indagato Dell'Utri
Vino adulterato, arresti e perquisizioni in Lombardia
Fo al Pdl: mi si attacca ogni volta che faccio satira
Nevica, ma per le piste servono ancora i cannoni
COMUNALI/ Al voto in primavera oltre 1300 comuni
ASLROMA1/ Torna il Banco della Salute, il venerdì al Nuovo Mercato Esquilino si fa prevenzione



wordpress stat