| categoria: attualità, Senza categoria

Morte Gatti, forse un mix di sostanze

Franco Gatti, cantante del gruppo Ricchi e Poveri

Per la morte di Alessio Gatti, figlio 23enne del cantante-chitarrista dei Ricchi e Poveri, Franco, è cambiata l’ipotesi di reato. La procura, che in un primo momento aveva ipotizzato l’omicidio colposo, ha deciso di aprire un fascicolo per ”morte come conseguenza di altro reato”. Si tratta – hanno spiegato in procura – di ”un atto tecnico” per poter svolgere tutti gli accertamenti del caso. Gli investigatori intendono analizzare i tabulati telefonici, le chiamate e il computer del ragazzo. Intanto si attendono i risultati dell’esame autoptico, e sono in corso accertamenti per verificare se tra il materiale sequestrato in casa Gatti vi fosse effettivamente della sostanza stupefacente. Dalla procura e’ stato confermato nell’abitazione oltre ad un piccolo quantitativo di polvere sospetta sono state trovate e sequestrate una bottiglia di superalcolici e alcuni farmaci in pastiglie. Non si esclude anche l’ipotesi che il giovane possa essere morto in seguito all’assunzione di un mix di queste sostanze.Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Pdl-Lega, accordo pasticciato. E Maroni annuncia: il premier sarà Tremonti
Il Papa agli ambasciatori: 'Costruiamo ponti, edifichiamo la pace'
Legge di stabilità: il governo porrà la fiducia
Padova,il Comune illumina il nuovo Prato della Valle
TEATRO/ Ottavia Piccolo in scena con "Enigma" alle Scuderie di Seravezza
E adesso è battaglia sulla scelta dell'ambasciatore della Commissione Ue a Roma



wordpress stat