| categoria: attualità, Senza categoria

Per il Papa il 28 sarà invasione, Roma da sola non può farcela

Come il Giubileo, ma tutto consumato in poche ore, in pochi giorni. Il collasso sulla città eterna è dietro l’angolo, l’invasione prevista ma non controllabile con le forze dell’ordinario. Già attorno a san Pietro sono lievitati i prezzi, alberghi, miniappartamenti, b&b, tutto già preso. Ci sono lòe ltelevisioni di tutto il mondo, arrivano e arriveranno i pellegrini. Ed ecco che il sindaco Alemanno prende carta e penna – si fa per dire – e scrive al capo del Governo: “Le dimissioni e il Conclave saranno caratterizzate dall’afflusso di migliaia di pellegrini per diversi giorni. Dobbiamo adottare tutte le misure per garantire l’accoglienza e la mobilità e ricadute sul territorio”. “Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha firmato un’ordinanza con cui viene creata una cabina di regia, affidata al vicecapo di Gabinetto del Campidoglio, Giammario Nardi, per il coordinamento dei servizi connessi alla prossima elezione del Pontefice. “Le dimissioni dal Soglio di Pietro, annunciate dal Santo Padre Benedetto XVI – scrive Alemanno a Monti – hanno avuto un rilievo mediatico planetario e generato una partecipazione e una vicinanza ‘affettiva’ nei confronti del Pontefice di portata straordinaria. Tale attenzione e partecipazione si sono manifestate con la richiesta di posizionamento dei mezzi radio–televisivi da ogni parte del mondo e con l’afflusso di centinaia di migliaia di persone previste nei prossimi giorni alla Basilica di San Pietro. Rispetto ad altri Grandi Eventi similari svoltisi nel passato recente, l’attuale si caratterizza per la particolare durata, che decorrerà dal prossimo 28 febbraio – data ufficiale della rinuncia all’incarico da parte del Pontefice – ed avrà termine con la celebrazione di intronizzazione del nuovo Pontefice. Considerata, quindi, la durata e la grande risonanza mondiale del predetto evento, l’Amministrazione Capitolina, quale Capitale d’Italia che include al suo interno lo Stato della Città del Vaticano, dovrà adottare tutte le misure idonee a garantirne la dovuta accoglienza e sicurezza, prestando massima attenzione, in particolare, alla gestione delle problematiche legate alla mobilità, alla viabilità ed ai trasporti, organizzando, altresì, tutti i servizi ritenuti necessari per evitare conseguenze negativamente rilevanti sul territorio e, soprattutto, salvaguardare l’immagine della Nazione e della sua Capitale nel Mondo”.E al premier Alemanno ricorda “come in questi ultimi anni ha ampiamente dimostrato (vedasi Beatificazione di Giovanni Paolo II), l’Amministrazione Capitolina metterà in campo tutte le risorse disponibili al fine di fronteggiare al meglio l’evento. Non sfugge a nessuno, però, che il carattere della straordinarietà dell’evento determina la necessità di dotare Roma Capitale di risorse e mezzi necessariamente anch’essi straordinari. Per questo Signor Presidente richiedo un Suo autorevole intervento per l’emanazione di un apposito provvedimento che disponga la messa a disposizione di Roma Capitale dei mezzi e delle risorse necessarie a garantire il massimo dell’assistenza a tutti i pellegrini che parteciperanno all’evento al fine di tutelare, nel miglior modo possibile, l’immagine dell’Italia nel Mondo”. Come primo atto operativo il Campidoglio ha ritenuto opportuno rimandare il provvedimento, programmato per domenica 17 febbraio 2013, che prevedeva il divieto totale di circolazione per tutti i veicoli a motore, all’interno della fascia verde cittadina, dalle ore 8.30 alle 17.30. Tale decisione è stata assunta in considerazione dell’eccezionale afflusso di fedeli previsto per domenica prossima a San Pietro, in occasione dell’Angelus di Papa Benedetto XVI. Migliaia di pellegrini, provenienti da tutto il mondo, non avrebbero potuto ricevere un’adeguata informazione sul contenuto e sui divieti stabili dal provvedimento”. Ma serve ben altro. l’Amministrazione capitolina si è già arresa di fronte alla incapacità di gestire l’ordinario, per lo straordinario serve l’aiuto dello Spirito Santo.
Redazione Online

Ti potrebbero interessare anche:

Il discorso di Obama sullo stato dell'Unione? Un flop, solo 33 milioni di spettatori
Zingaretti, più merito e trasparenza, nuovi criteri per i Dg. Sarà vero?
CRISI/ Retribuzioni al palo, ma superano i prezzi
Bruxelles: 'Gli attacchi legati all'arresto di Salah Abdeslam'
Sabaudia, il Film festival ha chiuso tra gli applausi
Di Maio: "Manovra sostanzialmente chiusa, ma in Emilia Romagna e in Calabria correremo da soli&...



wordpress stat