| categoria: economia

Pil Italia ancora in calo nel 2012: -2,2%

Il Pil italiano cala per il sesto trimestre consecutivo: tra ottobre e dicembre del 2012 e’ diminuito dello 0,9% e del 2,7% su base annua. Secondo le stime preliminari dell’Istat il calo congiunturale e’ la sintesi di diminuzioni del valore aggiunto in tutti i comparti di attivita’ economica: agricoltura, industria e servizi. Sei trimestri di flessione congiunturale negativa non si verificavano da 20 anni, tra il 1992 e il 1993.Nel 2012 il Pil corretto per gli effetti di calendario e’ diminuito del 2,2% rispetto all’anno precedente e la variazione acquisita per il 2013 e’ pari a -1%. Dati negativi anche per Germania, Francia ed Eurozona dove il Pil e’ sceso dello 0,6% nel quarto trimestre, il peggior calo dal 2009. E su base annua ha registrato una diminuzione dello 0,9%, secondo le stime pubblicate oggi da Eurostat. I timori della recessione in Europa affossano le borse, mentre lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti risale a quota 278, 6 punti sopra i valori della chiusura di ieri, dopo a essere sceso a un minimo di 265 punti.
La Bce vede un recupero dell’economia nella seconda parte dell’anno ma lancia l’allarme disoccupazione, soprattutto per i giovani. “Per l’area dell’euro ci si attende una debolezza dell’economia nella prima parte del 2013”, si legge nel bollettino mensile di Francoforte, “in particolare, gli aggiustamenti di bilancio necessari nei settori pubblico e privato seguiteranno a gravare sull’attivita’ economica”. “Nel prosieguo del 2013 l’attivita’ dovrebbe recuperare gradualmente”. Il mercato del lavoro dell’area dell’euro “ha continuato a deteriorarsi, mentre dalle piu’ recenti indagini previsive emergono segnali di ulteriori dinamiche negative nel prossimo futuro”, prosegue la Bce. In particolare “i lavoratori giovani e scarsamente qualificati sono stati particolarmente colpiti dalla crisi”.

Il tasso di disoccupazione nell’Eurozona e’ destinato ad attestarsi al 12,1% nel 2013 per poi scendere all’11,9% nel 2014 e all’11,2% nel 2015, risulta dalla ‘Survey of Professional Forecasters’ trimestrale contenuta nel bollettino. Si tratta di un deciso peggioramento rispetto alle proiezioni del trimestre precedente, quando era stato calcolato un tasso di disoccupazione pari all’11,6% nel 2013 e all’11,2% nel 2014. In un orizzonte temporale piu’ ampio, e’ atteso un tasso di disoccupazione del 9,5% nel 2017. Infine, nonostante un rafforzamento della raccolta di depositi bancari e da nuovi afflussi di capitali nell’Eurozona, prosegue la stretta sul credito nell’eurozona, con i prestiti alle imprese calati dell’1,3% a dicembre dopo essere scesi dell’1,5% a novembre. Il tasso di crescita dei prestiti alle famiglie e’ invece rimasto stabile allo 0,7% a dicembre.

Ti potrebbero interessare anche:

I sindacati: subito le risorse per la Cig o torneremo in piazza
Fatturato dell'industria alimentare +2,3%
Ilva, dichiarata l'insolvenza a Milano, debiti per tre miliardi
L’Agcom blocca gli aumenti delle chiamate fisse, ma Telecom va avanti
Pay Tv, scontro Bolloré-Berlusconi, Vivendi rompe accordo e punta a Mediaset
Ue, solo 12 Paesi su 28 in regola con gli accordi di Maastricht



wordpress stat