| categoria: Senza categoria, sport

CONI-1/ Si sceglie l’erede di Petrucci, sprint Pagnozzi-Malagò

Il rinnovamento all’insegna della continuita’, l’uno; la mission per rendere il Coni l’impresa dello sport, l’altro. L’election day olimpico e’ arrivato: dopo 13 anni di presidenza di Gianni Petrucci (piu’ longevo di lui solo Giulio Onesti) domani si sceglie l’erede con uno sprint finale tra Raffaele Pagnozzi e Giovanni Malago’. Il primo, segretario generale da vent’anni, rappresenta la garanzia, gioca in casa, ha legato il suo nome allo sport olimpico da due decenni: e’ un dirigente molto conosciuto, (e apprezzato) a livello internazionale e alla vigilia e’ dato per favorito. Malago’, presidente dell’Aniene, uno dei circoli piu’ ‘in’ di Roma, da imprenditore di successo (ma al Coni non gioca poi cosi’ in trasferta visto che e’ in Giunta dal 2009, e c’era gia’ stato dal 2001 al 2003) vuole trasferire la sua esperienza manageriale nella gestione dello sport. Con un obiettivo dichiarato: voltare pagina. A decidere saranno i 76 grandi elettori, per vincere e’ necessaria la maggioranza piu’ uno: dunque un quorum di 39 preferenze che entrambi i candidati sono sicuri di avere. ”Sono certo di farcela, ho i numeri” ha sempre ripetuto Malago’. ”Giovanni si rassegni, vinco io” la replica di Pagnozzi, dato dai ‘sondaggi’ piuttosto avanti. Ma solo le urne (sette quelle che verranno allestite nel salone d’onore gremito come per le grandi occasioni, con oltre cento giornalisti accreditati) potranno dare una risposta. Certo e’ che il segretario generale conta sul sostegno roccioso del presidente uscente e delle grandi federazioni (calcio, tennis, nuoto, ciclismo) e dalla sua ha atleti fedelissimi come Jury Chechi e Fiona May. Malago’ ha raccolto i consensi di chi vuole il cambiamento e il sostegno ‘politico’ di Gianni Letta, che negli anni peraltro era sempre stato vicinissimo al Coni targato Petrucci. Tra gli atleti Alessandra Sensini e Josefa Idem, gia’ eletta in consiglio nazionale, ma anche candidata alle politiche. Intanto a poche ore dal voto la squadra di Malago’ perde un pezzo: ha infatti ritirato la candidatura in Giunta (quota dirigenti) Cesare Croce, ex numero uno degli sport equestri e che si era schierato col presidente dell’Aniene. Qualche dissenso e la decisione di tirarsi fuori, cosi’ in corsa per i sette posti (di cui al massimo cinque per i presidenti federali) restano Fabio Pigozzi e Chechi (pro Pagnozzi) e Sergio Anesi, papa’ di Matteo olimpionico a Torino 2006, a favore di Malago’, che conta anche sul benestare anche di Mario Pescante, membro Cio. A contare gli endorsement fatti dagli aventi diritto al voto nel corso degli ultimi mesi i numeri sono a favore di Pagnozzi (c’e’ chi dice che potrebbe finire 50 a 26): la conta finale avverra’ nell’ultima cena, quella che i due sfidanti hanno organizzato in due hotel della Capitale. Ma le cifre sono attendibili fino a un certo punto perche’ gia’ nel 2009 quando Petrucci fu sfidato da Chimenti (golf) fu tradito da diversi presidenti che parteciparono alla tavolata ma poi votarono l’avversario. A Petrucci pero’ non fu difficile restare n.1 (fini’ 55 a 24 con una maggioranza schiacciante). Quanto ai programmi Malago’ si e’ scagliato contro la Coni servizi, considera ”un’ipocrisia’ parlare di autonomia dello sport dal momento che il Coni viene foraggiato dallo stato e pur essendo un tifosissimo di calcio ha gia’ detto che terrebbe fuori il pallone dalla giunta, qualora fosse eletto. Poi un passo falso quando ha indicato in Luca Pancalli l’uomo giusto alla segreteria del suo Coni: salvo incassare il rifiuto del presidente del comitato paralimpico, da sempre vicino a Pagnozzi e gia’ indicato da quest’ultimo come ‘suo’ segretario. Un feeling sottolineato anche dall’impegno del candidato come primo atto del suo mandato di unificare ”mondo olimpico e paralimpico. Un percorso complesso che va avviato subito”. E respinge la sovrapposizione con il ‘suo’ predecessore: ”Io e Petrucci saremo diversi, il mondo cambia e non si puo’ camminare sullo stesso solco”. Solo una ”distinzione”, certo non una presa di distanza da Petrucci. Nel programma di Pagnozzi la legge sugli stadi e l’obiettivo di tenere l’Italia nel G10 dello sport mondiale. Dopo una campagna elettorale in cui non sono mancati affondi da una parte e dall’altra, adesso la parola passa alle urne: a presiedere l’assemblea ci sara’ Franco Carraro, i candidati parleranno otto minuti ciascuno (comincia Pagnozzi, cosi’ ha voluto il sorteggio). Poi si vota e il Coni avra’ il nuovo presidente.

Ti potrebbero interessare anche:

Conclave al via, per il nuovo Papa almeno 77 voti
Claudio Pica (Esercenti) all'attacco, le scelte di viabilità vanno condivise, non possono penalizzar...
LA DENUNCIA/ Emodinamica all'ospedale di Tivoli rimane chiusa, il Tribunale del Malato denuncia
La UE sostiene due iniziative per lo sviluppo sostenibile del porto di Civitavecchia
Pogba, super offerta di Mourinho alla Juve: 95 milioni
Governo-Raggi, non va affatto bene. Conti a rischio per gli arretrati?



wordpress stat