| categoria: politica, speciale elezioni 2013

L’amarezza di Fini, “Ora rifletto, tra 10 giorni il vertice del partito”

”Far politica non vuol dire necessariamente essere presenti in Parlamento”. Diceva cosi’ Gianfranco Fini neppure una settimana fa, quando ancora era convinto che fossero tutti sbagliati i sondaggi che davano in estinzione Fli, quando neppure poteva immaginare che si sarebbe posta la questione di un non ingresso dei finiani alla Camera, cancellati da un misero 0,46%. ”Se amare l’Italia ha un costo ma ne vale comunque la pena, non rientrare in Parlamento non e’ certo un motivo sufficiente per desistere dal tentativo di rappresentare da destra un’Italia mille miglia lontana dal berlusconismo e dal grillismo”, sono le prime parole di Fini nel ‘giorno dopo’, quello in cui si sveglia, per la prima volta da 30 anni, da ‘ex’ del Parlamento. La giornata comincia presto: a Montecitorio, quando ancora il Palazzo e’ deserto, nel suo studio da Presidente della Camera al primo piano. Poi nella sede ancora tutta nuova di Fli, a via Poli, per condividere stupore e amarezza con Bocchino, Menia, la Perina, la fedelissima Rita Marino, storica segretaria particolare, il portavoce Alfano. ”Non me lo sarei mai aspettato, non avrei mai pensato che l’Udc potesse andare sotto al 2%…”, ammette scosso Fini al telefono, chiamando per i complimenti Della Vedova e Di Biagio, gli unici due finiani ‘scampati’ alla razzia ed in salvo al Senato con Monti. ”Non avrei mai pensato che Fli restasse fuori perche’ a entrare da miglior perdente sarebbe stato Casini”, declina lo stesso concetto in diverse telefonate. Granata, Bongiorno, Raisi: nessuno aveva preso in considerazione una debacle di tale portata, tutti sono rimasti di sasso. ”Voglio riflettere qualche giorno, aspettiamo di essere lucidi”, dice amaro ai suoi Fini, rinviando alla fine della prossima settimana una riunione per annunciare decisioni sul partito e sue personali. E intanto detta una scarna nota per dire che comunque la spugna non la getta: ”Nei prossimi giorni valuteremo come dar vita ad una nuova stagione di impegno culturale e politico per consentire ad una generazione piu’ giovane di continuare in prima persona a lavorare per un’Italia migliore”. Poi a casa, dalle figlie Carolina e Martina. Ma ci sono anche i colpi bassi, in una giornata come questa: le telefonate che ti aspetti e che non arrivano, il tweet che parte dal profilo ufficiale di Palazzo Chigi e indica Fini tra i ”trombati eccellenti” (subito cancellato e con tanto di scuse); il Tapiro d’oro di ‘Striscia la notizia’; il giudizio liquidatorio di Berlusconi (”Fini, Ingroia, Di Pietro: tre giustizialisti di cui nessuno sentira’ la mancanza”). La sconfitta e’ cocente: Fini e’ basito ma non si vuole arrendere. Ed Enzo Raisi usa parole antiche per rendergli l’onore delle armi: ”E’ un leader, l’ha dimostrato mettendosi in lista alla Camera e rischiando con noi, morendo con noi, altri come Casini hanno preferito la sicurezza del Senato”. Leader del Fronte della Gioventu’, delfino di Almirante, segretario del Msi, protagonista della svolta di Fiuggi e fondatore di An, costituente europeo, autore del faticoso sdoganamento che ha portato la destra italiana ai vertici delle istituzioni (Farnesina, vicepremiership, presidenza della Camera) e poi nel Pdl e nel Ppe, leader di Fli (dopo il celebre dito alzato contro Berlusconi nel ‘che fai, mi cacci..?’) e infine decisivo per la nascita del governo Monti e della Lista Monti: per tutta la sua vita politica Fini ha voluto portare la destra fuori dalla sua storica condizione di minorita’. Ma numeri incontrovertibili oggi ne sanciscono la sconfitta.

Ti potrebbero interessare anche:

IL PUNTO/ Pd, al via la conta in vista del congresso. Allarme tessere
MANDELA/ Boldrini: 'Nessuna spesa di viaggio nè per me nè per il mio staff'
M5S/ Di Maio, noi sempre più in tv, Grillo resta il nostro garante
Pd: Bersani, disagio tra la nostra gente, serve la politica
Alfano annuncia: un presepe in ogni prefettura
IL PERSONAGGIO/ Il generale Mario Mori: “Mi candido”. Sarà con Giovanni Negri e La Marianna



wordpress stat