| categoria: politica, Senza categoria

Napolitano: “Sono sereno, cercheremo un sentiero costruttivo”

Ha riflettuto, da solo e con i suoi collaboratori piu’ stretti. Ha analizzato il voto e soprattutto come si e’ arrivato a questo esito – molto lontano dalle sue speranze – ma non e’ stato nemmeno sfiorato dall’idea di cancellare una visita prevista da mesi. Pertanto e’ partito per la Germania, e pazienza se qualcuno nei giorni scorsi ha detto e insistito che, dopo Obama, si stava recando a gran consulto con Frau Merkel. Non e’ un caso se Giorgio Napolitano, appena arrivato a Monaco di Baviera, lancia subito un messaggio alle forze politiche. Dice in modo chiaro e netto: “Il Capo dello Stato puo’ solo attendere, con eguale rispetto per tutti, che le forze politiche presenti in Parlamento facciano le loro riflessioni alla luce del risultato delle elezioni”. Quindi le stesse forze politiche dovranno “riferirne al Quirinale in occasione delle consultazioni”. Il Colle “non e’ chiamato a commentare i risultati delle urne”, ragion per cui “ogni forza politica faccia le proprie riflessioni e poi me le trasmetta. Allora io trarro’ le conclusioni”. Insomma, alla vigilia della stagione piu’ calda del suo mandato, che corrisponde per un caso del destino con i suoi ultimi giorni di presidenza, Napolitano ribadisce quello che solo apparentemente e’ un ragionamento di comune buon senso istituzionale. In realta’ si tratta di una mossa volta a divincolarsi da quella pressione che molti vorrebbero esercitare su di lui in queste ore convulse, quasi ad attendere che lui svolga una funzione salvifica di fronte alle incertezze del presente. Il suo non e’ nemmeno, si badi, un tentativo di tenersi le mani libere, come e’ stato ipotizzato. Se cosi’ fosse – si fa notare – non si leggerebbe nella sua dichiarazione quel duplice richiamo alle forze politiche affinche’ pensino, elaborino e infine presentino una proposta di soluzione nella sede piu’ appropriata. Vale a dire quelle consultazioni che, per forza di cose, devono essere tenute appena le Camere si saranno insediate. (AGI) Nic/Cog (Segue) 262214 FEB 13 NNNN
26/02/2013 22.14.00 Titoli Stampa
= NAPOLITANO: SONO SERENO, CERCHEREMO SENTIERO COSTRUTTIVO (2)=
= NAPOLITANO: SONO SERENO, CERCHEREMO SENTIERO COSTRUTTIVO (2)= == NAPOLITANO: SONO SERENO, CERCHEREMO SENTIERO COSTRUTTIVO (2)= (AGI) – Monaco, 26 feb. – Al contrario, la presa di posizione del Quirinale equivale ad un richiamo al senso di responsabilita’ che ora tutti, ma proprio tutti, saranno costretti a dimostrare. Non c’e’ protesta che tenga, non ci sono facili e facilone promesse elettorali che giustifichino, da ora in poi, atteggiamenti demagogici oppure ad uso e consumo della piazza. Si rifletta, si pensi bene, poi si venga a dire una volta sola, a colui che deve tirare le somme, cosa si vuol fare. Nessuna soluzione e’ preclusa, ma prematuri sembrano, se visti dal Quirinale, gli appelli a immediati scioglimenti delle Camere. Una decisione che, al di la’ del dibattito politico e costituzionale che e’ gia’ stato avviato, sara’ contemplata casomai solo al momento di fare una sintesi della situazione. Anche se, certo, e’ ben noto che si tratti di una soluzione comunque traumatica, a cui ricorrere, in caso, con estrema prudenza. E’ vero, comunque, che a Napolitano le scelte radicali non dispiacciono. Lo dimostra lui stesso, quando appena arrivato a Monaco si reca al Teatro dell’Opera per ascoltare un concerto in suo onore. Mentre il Presidente tedesco, Gauck, lo ascolta attento, lui ricorda il “grande bavarese” che in queste ore ha scritto la storia della Chiesa opponendo un gran rifiuto. “Ho avuto ancora sabato l’occasione per ripetergli la riconoscenza degli italiani per come ha svolto la sua missione”, chiosa Napolitano soppesando le parole, “e anche per il suo gesto coraggioso e lungimirante”. E cosi’ dicendo, il presidente sceglie un aggettivo (il secondo) che classifica in modo inequivocabile l’abdicazione di Benedetto XVI. Poi il Presidente torna all’attualita’ politica. “Sono in Germania all’indomani di elezioni molto attese nel mio Paese”, sottolinea, “ho mantenuto il mio programma perche’ sono assolutamente sereno”. L’Italia sta per affrontare una prova “complessa” ma “sono sicuro che riusciremo a superarla nell’interesse comune” trovando il modo per “avviare su un sentiero costruttivo la formazione del nuovo governo”. Apparentemente sembrerebbe la tipica rassicurazione ad uso e consumo dell’alleato tedesco, preoccupato per la tenuta dei mercati ed al quale Napolitano non a caso ribadisce “un’amicizia provata con la testa e con il cuore”. Ma mettendo insieme gli elementi della giornata, par di capire che quest’uomo dalla profonda cultura volterriana abbia fatto come il Gran Conde’, che la sera prima della battaglia decisiva non cambio’ i suoi programmi, ed ando’ a letto dormendo tutta la notte. Perche’ aveva chiaro in testa cosa avrebbe fatto il giorno dopo.

Ti potrebbero interessare anche:

CIVITAVECCHIA/ L'autorità portuale entra a far parte dell'ESSF
Stretta su Sblocca-Italia, le misure al test delle coperture
Fondi ha un nuovo gioiello: nasce il pomodoro “Fondanello”
PUGLIA/ Emiliano nomina portavoce la sua compagna
Pd: a Civitavecchia e Pomezia democrazia sconosciuta
La Taverna attacca la Lega: "Il problema non è Roma, ma Siri"



wordpress stat