| categoria: editoriale, Il Commento, Senza categoria

Se la base non gradisce la linea di Grillo

Grillo, il vincitore, manda letteralmente a quel paese Bersani, stoppando al primo nascere ogni idea di dialogo: pronti a votare con entusiasmo qualsiasi provvedimento, da qualsiasi parte venga, se in linea con i punti del programma a Cinque Stelle, sottolinea il comico-politico genovese; ma la “rete” dei suoi esprime apertamente un forte dissenso, ritenendo opportuno, in questa fase, confrontarsi con il Pd. Leader e base comunicano attraverso il web, non c’è un faccia a faccia, ma non c’è nemmeno un feedback immediato. Grillo tiene e terrà conto degli umori del suo popolo o terrà la barra dritta perseguendo il suo personale disegno? Uno studio del Censis, presentato tempestivamente nei giorni scorsi, segnala che il 40% circa dei grillini è politicamente orientato a sinistra. La fedeltà al capo corre sulle linee virtuali del web? O Grillo svillaneggiando sul suo blog (organo non ufficiale del Movimento) quello che definisce ironicamente Gargamella rischia di perdere il corale consenso? C’è da dire che il clamoroso successo trasersale del Movimento Cinque Stelle – parliamo di milioni di voti – supera i confini del web, delle identificazioni anagrafiche, politiche ed ideologiche. Le invettive di Grillo hanno fatto da collante, da tessuto connettivo ad un popolo pronto alla rivolta elettorale, che ne ha abbastanza di Bersani e di Berlusconi. La politica, la strategia, se verranno, saranno cosa di un secondo momento. E vedremo se quei voti ci saranno ancora. Grillo si rende conto probabilmente di aver vinto troppo e troppo in fretta. Il suo obiettivo primario non è quello di governare il sistema, ma di scardinarlo, di farlo implodere: far bollire a fuoco lento il governissimo per votare di nuovo. Riuscirà nel suo intento?

Ti potrebbero interessare anche:

MUSICA/ Il 25 ottobre il Maxxi diventa una "silent disco"
MONDIALI/ Fifa, avanti sulla moviola. Da usare per il fuorigioco
Boom di merci e turisti, vanno a gonfie vele i porti laziali
Napoli, la carica di Hamsik, sogno uno scudetto da capitano
E adesso il governo è atteso alla prova dei fatti
IL 40% BIMBI CON AUTISMO NON SA RACCONTARE PASSATO E FUTURO



wordpress stat