| categoria: attualità, Senza categoria

COSTI DELLA POLITICA/ Indagati oltre 20 consiglieri del Friuli Venezia Giulia

Oltre un terzo dei consiglieri regionali del Friuli Venezia Giulia e’ indagato per peculato,
quando al voto per il rinnovo del Consiglio regionale mancano un mese e venti giorni.
Dopo settimane di attesa, l’inchiesta della Procura della Repubblica di Trieste ha i primi indagati: oltre venti dei 59 eletti che compongono oggi il Consiglio regionale. Vale a dire un terzo dei consiglieri. Tra gli indagati ci sono sia capigruppo che normali consiglieri: dalla Procura sono filtrati nei scorsi giorni alcuni dei piu’ eclatanti rimborsi rendicontati – dalla spesa in pescheria all’acquisto di una pistola – ma non i partiti di appartenenza degli indagati. Il
terreno su cui indagano i magistrati e’ delicato, anche perche’ molti dei consiglieri uscenti cercano la conferma alle prossime elezioni, e tra sedici giorni vanno chiuse le liste dei candidati.

L’indagine della Procura – a cui si affianca un’inchiesta della Procura della Corte dei conti – e’ partita negli scorsi mesi: a dicembre la Guardia di Finanza si e’ presentata a
palazzo del consiglio regionale e ha acquisito un’ampia documentazione di scontrini e rendiconti delle spese di rappresentanza sostenute dai consiglieri: nel 2011 il fondo per queste spese valeva – per tutti i gruppi – ben 885 mila euro: in media 15 mila euro di spese per ogni consigliere.

Tra le spese di rappresentanza piu’ insolite i magistrati hanno trovato gli scontrini di una discoteca della riviera triestina, quelli di un acquisto in macelleria e di un ‘treno’
di pneumatici da neve. “L’attenzione della Procura – ha affermato il procuratore generale della Procura di Trieste, Michele Dalla Costa – si e’ ovviamente orientata su spese che non potrebbero essere appuntate come spese di rappresentanza o di funzionamento dei gruppi consiliari.
I consiglieri regionali indagati – ha proseguito – saranno sentiti solo qualora il magistrato avra’ la necessità di contestare loro dei fatti specifici. Al momento nessuno sa ufficialmente di essere indagato”.
Il caso scuote l’arco politico che si appresta alla campagna elettorale: oggi il presidente della giunta, Renzo Tondo (Pdl), ha proposto di azzerare i fondi ai gruppi nella prossima legislatura, in attesa di un regolamento chiaro. Lo sfidante di Tondo, la europarlamentare Debora Serracchiani (Pd), ha gia’ annunciato il suo impegno affinche’ sulle liste del Pd non ci sia un’ombra, e domani annuncia i provvedimenti sui costi della politica. A guardare in silenzio, ma probabilmente a guadagnare consensi, c’e’ invece il candidato presidente del Movimento 5 Stelle, Saverio Galluccio.

Ti potrebbero interessare anche:

Gli Obama più poveri, ogni anno guadagnano di meno
Tremila lettere di licenziamento, chiusi i cantieri di Metro C. Marino allarga le braccia
La Quintana di Ascoli, vince il sestiere di Porta Solestà
Alberto Sordi, 10 rinvii a giudizio per l'eredità della sorella Aurelia
Da Moody's sì alle nozze BpM-Banco, Mps cede 220 milioni di npl
CALCIOMERCATO/ Bacca verso il Napoli, Inter pressing su Candreva



wordpress stat