| categoria: Latina, province, Roma e Lazio, Senza categoria

Corridoio Roma-Latina, non va. Spreco pubblico da 100 milioni di euro?

Serve certamente, ma per mille motivi non se ne viene fuori. Da un paio di Giunte, di colore diverso, si discute e si litiga. Ma invano. Per il corridoio autostradale che dovrà collegare l’A12 alla futura Roma-Latina, sono stati già spesi oltre 100 milioni di euro senza aver posato neanche la prima pietra, tant’è che qualche giorno fa sono scattate le inchieste della Corte dei conti, della Commissione Europea e dell’Autorità di vigilanza sui Lavori Pubblici. Tutto era iniziato nel 2004 con l’allora governatore della Regione Lazio Francesco Storace e pera poi proseguito con le amministrazioni successive. Solo 45 milioni sono stati pagati dalla Regione per i tre progetti presentati, per non parlare dell’accavallarsi di due società nell’affare, prima l’Arcea Lazio Spa sostituita poi dalla Autostrade del Lazio, con il mantenimento dei rispettivi Cda e altri soldi buttati per pagare, per quattro anni, i costi degli amministratori, pur in una sostanziale assenza dell’esplicazione fattiva del loro mandato. Infine la spada di Damocle dei contenziosi, con gli azionisti privati della prima società, l’Arcea, che, dopo l’estromissione, hanno ottenuto 43 milioni di risarcimento dalla Regione Lazio a seguito di una sentenza del Tar ed ora, non soddisfatti dell’indennizzo, hanno fatto ricorso al Consiglio di Stato: sono in ballo circa 800 milioni di soldi pubblici. Un pastrocchio colossale sul quale la magistratura contabile ha messo gli occhi.“La polizia erariale – si legge nella memoria scritta del procuratore della Corte dei conti del Lazio, Angelo Raffaele De Dominicis – ha accertato lo svolgimento di attività contenziose portate all’esame di due collegi arbitrali, di una procedura in corso per la stipula di un accordo transattivo con uno spreco di risorse di circa 20 milioni di euro e sulla vicenda risulta avviata anche un’inchiesta della Commissione europea ed una aperta dall’Autorità di vigilanza sui lavori pubblici”.

Ti potrebbero interessare anche:

DUE GIUGNO/ Per la tradizionale sfilata 3500 militari ai Fori
Cinquemila tifosi tedeschi in città per Bayern-Roma, è allarme sicurezza
CRI/ Rocca, la Croce Rossa non chiude, si uniforma agli standard internazionali
Strage di alpinisti sull'Everest, paura per gli italiani
Scala: nuovo balletto con Bolle apre l'anno mozartiano
P.a: tagli alle partecipate slittano a giugno



wordpress stat