| categoria: editoriale, Senza categoria

Siamo in un vicolo cieco

Siamo in un vicolo cieco. Nemmeno l’analista politico più smaliziato sarebbe arrivato a immaginare lo scenario che oggi paralizza l’Italia. Non ci sono vie d’uscita. I vecchi leader e i vecchi partiti sono inadeguati e non sanno che pesci pigliare, il vincitore Grillo al di là dei proclami bellicosi sa perfettamente che basta un niente per rompere definitivamente il giocattolo e mandare il paese a fondo. Non vogliono capire il senso del messaggio del comico (ex) genovese. Gli schemi vecchi vanno buttati, bisogna voltare pagina, cancellare quasi tutto e ripartire in fretta. Pone delle condizioni Grillo, e fa tenerezza Bersani che cerca di far proprie alcune idee grilline per avere una possibilità di dialogo. Bisogna affossare la democrazia? Bisogna tornare a votare? I politici in rotta sono disposti a tutto pur di salvare qualcosa. Anche alle più complesse e incredibili alchimie istituzionali.

Ti potrebbero interessare anche:

Bankitalia, persi 600mila posti di lavoro e il 7% del Pil
Tornano i Monty Python dopo 30 anni
San Camillo, ancora aggressioni al Pronto Soccorso?
Luxottica: via Khan, deleghe Del Vecchio
Sperlonga, Cusani sfida Goletta Verde
PRIMO PIANO/Se il Def a Montecitorio passa per tre soli voti il governo scricchiola



wordpress stat