| categoria: salute, Senza categoria

LA RICERCA/ Quando la carrozzina diventa una parte del corpo

La percezione che abbiamo del nostro corpo è altamente modificabile. È esperienza di tutti la capacità di percepire le dimensioni della propria automobile in modo inconscio. Ce ne accorgiamo quando, cambiando auto, incontriamo difficoltà a svolger manovre che con la nostra effettuiamo senza problemi. Come fa il cervello a incorporare i riferimenti spaziali della nostra auto, quali sono i meccanismi cerebrali che sottendono a questo fenomeno e soprattutto cosa avviene quando si utilizzano protesi o ausili per favorire il recupero funzionale dopo lesioni del sistema nervoso centrale? Una risposta giunge dal lavoro pubblicato sulla prestigiosa rivista Plos one frutto della collaborazione tra l’IRCCS Fondazione Santa Lucia e il Dipartimento di Psicologia di Sapienza Università di Roma.

Lo studio, che si è avvalso dei finanziamenti dell’International Foundation for Research in Paraplegia (IFP-IRP), è stato condotto da Mariella Pazzaglia e Giulia Galli in collaborazione con Marco Molinari e Giorgio Scivoletto presso la Sezione Mielolesi della Fondazione Santa Lucia. Le mielolesioni sono patologie che interrompono le vie di collegamento tra il corpo e il cervello; tali lesioni pregiudicano gravemente la mobilità del paziente che è costretto a ricorrere a dispositivi come la carrozzina, o in alcuni casi a strumenti di raffinata tecnologia.
Lo studio pubblicato su Plos one evidenzia come gli individui con deficit motori conseguenti a una lesione spinale, mostrino una forte associazione tra il proprio corpo e la sedia a rotelle che utilizzano per muoversi.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti che ricorrono quotidianamente alla carrozzina, indipendentemente dal tempo trascorso dalla lesione o dalla personale esperienza nell’utilizzo dello strumento, percepiscono i confini del proprio corpo come se fossero plastici e flessibili. In questo modo la carrozzina stessa viene assimilata oltre i confini biologici del corpo stesso. Non tutti i pazienti, tuttavia, “incorporano” la sedia a rotelle allo stesso modo: coloro che hanno una più estesa compromissione delle attività funzionali, vivono con questi strumenti un rapporto di maggiore estraneità, cosa che inevitabilmente condiziona la loro libertà di gestire il “nuovo corpo” attraverso lo strumento “incorporato”. Tali evidenze convergono nell’indicare la carrozzina come sostituto tangibile e funzionale per le parti del corpo danneggiate dalla lesione e non solo una semplice estensione degli arti inferiori. Questa osservazione dimostra come il semplice utilizzo di un ausilio influisca sulla plasticità cerebrale e sulla organizzazione della rappresentazione cerebrale del corpo. Ciò apre a possibili applicazioni nel campo della riabilitazione segnalando come sia importante il raggiungimento di un equilibrio armonioso tra corpo e ausilio per favorire il successo terapeutico dello stesso.

Le immagini fornite da Sue Austin, un’artista disabile che ha modificato la sua sedia a rotelle in modo da poterla utilizzare sott’acqua ed esplorare gli così gli abissi degli oceani, sono una rappresentazione delle potenzialità che il meccanismo descritto nello studio può offrire.
Il link alle immagini è http://www.wearefreewheeling.org.uk/?location_id=1849

Ti potrebbero interessare anche:

STAMINA/ I familiari dei malati a Jesi: questa è una guerra
RICERCA/ Usa, nuovi promettenti bersagli per curare la dipendenza da cocaina
Acea, addio bollette pazze. Marino, azzereremo il fenomeno
GABRIELLI/ 2 - Non faccio sgomberi senza rete, gente in strada non ne metto
BCC/ Bankitalia, 50 banche fragili, rischio tensioni
Higuain sovrapeso, social scatenati: "Un milione al chilo"



wordpress stat