| categoria: Dall'interno, Senza categoria

RIFIUTI/ Cittadinanzattiva: da Napoli a Venezia, le città più care

Napoli, Salerno e Siracusa sono le tre citta’ piu’ costose per la bolletta dei rifiuti. Lo afferma un report dell’Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva sul servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani su tutti i capoluoghi di provincia. La classifica della top ten delle citta’ piu’ care, secondo Cittadinanzattiva, pone sul gradino piu’ alto del podio Napoli (529 euro); a seguire Salerno (421 euro), Siracusa (407), Catania (396), Caserta (393), Roma (378), Agrigento (358), Venezia (346), Benevento (346), Carrara (346). Le piu’ economiche sono invece Isernia (122 euro), Matera (135), Brescia (146), Pordenone (153), Udine (159), Cremona (160), Viterbo (160), Ascoli Piceno (174), Como (176), Vibo Valentia e Verona (176). La spesa media per famiglia, spiega il report, e’ stata di 253 euro, con un aumento del 2,8% rispetto all’anno precedente (piu’ 17,1% tra il 2007 e il 2011). Rispetto ad un anno fa, aumenti a due cifre per otto citta’: Bari (+30%), Messina (+22%), Firenze (+21%), Novara (+19%), Avellino (+16%), Trapani (+15%), Milano (+14%) e Catanzaro (+10%). ”La ricerca mette in luce due tristi realta’ – dichiara Tina Napoli, responsabile area consumatori di Cittadinanzattiva – da un lato emerge che il servizio non migliora mentre i costi sono sempre maggiori, dall’altro che l’Italia sconta un ritardo ormai grave rispetto al resto d’Europa. Auspichiamo – conclude – che diventi una priorita’ per il nuovo governo”. ”Dal 2007 al 2012, a fronte di un aumento medio su base nazionale del +17,1%, i costi nel Lazio sono aumentati dell’11,8%, con consistenti incrementi registrati a Roma (+53%) ma anche con forti ribassi: -21% a Latina”. Sono i dati del rapporto Cittadinanzattiva sui ‘Rifiuti a peso d’oro’. ”In attesa della Tares, che si annuncia come un nuovo salasso, non passano indifferenti gli ultimi colpi di coda di Tarsu e Tia, che ‘salutano’ con un incremento del 2,8% su base nazionale rispetto all’anno passato – si legge nel rapporto -. In positivo, rispetto al 2011, nel 2012 nel Lazio non si sono registrati aumenti, anzi a Latina le tariffe sono diminuite del 17%. Il che ha significato che nel 2012 nel Lazio la spesa media annua del servizio di smaltimento dei rifiuti solidi urbani (pari a 251€, -4,2% rispetto all’anno passato) e’ rimasta al di sotto della media nazionale (253€)”.

Ti potrebbero interessare anche:

Acqua alta anche in via del Corso. Ma è colpa di una tubatura
FORMIA/Al Policlinico del Golfo si arena anche il progetto pastificio
NCD alza la posta sule riforme e avverte Renzi, rischi grosso
Adotta uno speck, la specialità Trentino attrae mezzo mondo
Il Papa ad Assisi per il G8 delle fedi, un patto contro il terrorismo
Mattarella firma il decreto sicurezza



wordpress stat