| categoria: Roma e Lazio

RIFIUTI/ Per il dopo-Malagrotta torna l’ipotesi Laurentina

All’indomani delle dichiarazioni del ministro Clini sulla chiusura a giugno della mega-discarica romana di Malagrotta cominciano ad inseguirsi le voci su una possibile alternativa, e torna a circolare l’ipotesi di un sito tra Laurentina e l’Ardeatina. ”So che ci sono voci di nuovi siti indicati dalla Provincia, dal commissario Postiglione, ma a noi non le hanno ancora comunicate formalmente – afferma il sindaco Gianni Alemanno interpellato proprio su una soluzione a a Roma sud -. Il dialogo sta avvenendo tra Sottile e Postiglione”’. ”Ora aspettiamo che venga fatta una valutazione per capire se sono cose serie o no – aggiunge Alemanno -. Ieri ho parlato con Sottile che e’ concentrato sull’eliminazione dei rifiuti ‘tal quale’. Bisogna fare in modo di evitare l’infrazione comunitaria e arrivare a rifiuti ‘tal quale’ zero”’. Ieri da Bruxelles il ministro Clini aveva ricordato che: ”L’11 aprile termina la consegna dei rifiuti non trattati a Malagrotta, che a giugno chiude”. Su eventuali alternative Sottile aveva ricordato l’ipotesi Monti dell’Ortaccio, il sito vicino alla megadiscarica da lui indicato come discarica provvisoria e osteggiato dai residenti e finora da tutti gli entlocali, e prospettato: ”Vediamo se viene fuori qualche altro sito anche in collaborazione con l’amministrazione regionale”’, da poco rinnovata con l’arrivo del governatore Nicola Zingaretti, ex presidente della Provincia di Roma. Sull’ipotesi Monti dell’Ortaccio oggi pero’ interviene il presidente del municipio XV Gianni Paris che annuncia: ”Il Tar ha rigettato il ricorso che il Consorzio di Cerroni aveva proposto contro gli atti del Municipio XV in ordine al sequestro delle aree di Monti dell’Ortaccio, in quanto sistemate senza alcuna autorizzazione. Quindi nessuna sospensiva e’ stata accordata, dimostrando come la linea perseguita dal Municipio sia sempre stata corretta. Nel corso di questa difficile vicenda, posso quindi ritenermi soddisfatto anche perche’ con la sua attivita’ istituzionale il Municipio e’ riuscito a segnare un punto decisivo per i cittadini e il territorio della Valle Galeria che non meritano nuove discariche e inquinamenti”.

Ti potrebbero interessare anche:

Zingaretti presenta i "nominati" del suo listino (quelli che diventano consiglieri regiona...
Alessandra Cattoi, badante o alter ego di Marino?
Allerta sicurezza, nel cuore del ghetto. Il prefetto anticipa la chiusura alle auto
IL PUNTO/ E alla fine Eur spa vende i suoi gioielli per salvare la "Nuvola" di Fuksas
Parte "Tuscia oltre i confini", undici operatori locali dietro il progetto
Taxi, le Centrali Radio approvano il testo del Governo. “Sciopero inutile”



wordpress stat