| categoria: salute

Troppi insaccati aumentano il rischio di morte

La regola? Mangiare la carne lavorata con il limite di 20 grammi al giorno

Attenzione agli insaccati. Chi ne consuma troppi come la carne lavorata in generale ha un rischio maggiore di morte per problemi cardiovascolari o tumori. Lo afferma uno studio su 500mila europei coordinato dall’università di Zurigo e pubblicato dalla rivista Bmc Medicine. Lo studio, condotto in 10 paesi europei, ha trovato che i più grandi consumatori di insaccati all’interno del gruppo studiato avevano una probabilità maggiore del 44% di morire prematuramente rispetto a chi ne mangiava meno. Alti livelli di consumi aumentano il rischio di morte per problemi cardiaci del 72% e quella per tumori dell’11%, con il rischio totale che aumenta del 18% ogni 50 grammi consumati in più: «Se tutti si limitassero a 20 grammi al giorno di salumi – spiega Sabine Rohrmann, l’autore principale, in un comunicato dal titolo eloquente “una salsiccia al giorno è troppo” – il 3% di tutte le morti premature potrebbe essere evitato». Il risultato, spiegano gli autori, è stato depurato dai possibili fattori confondenti, come la tendenza di chi mangia troppi insaccati ad avere altri comportamenti a rischio come il consumo di alcol. Redazione Online News

Ti potrebbero interessare anche:

Ecco come battere il diabete, scoperta la proteina-chiave
Dormire poco nuoce alla salute: e si rischia anche l’Alzheimer
Solo 8 minuti per la colazione, 4 bambini su 10 non la fanno
PALMA-LEAKS. Olio di palma cancerogeno e genotossico?
Diecimila passi al giorno un aiuto contro il diabete 1
DA STUDIO ITALIANO NUOVE SPERANZE CONTRO IL PARKINSON



wordpress stat