| categoria: politica, Senza categoria

Napolitano ha un solo colpo in canna: Bersani. Poi ci penserà il nuovo presidente

La situazione è complicata, i paroloni e i richiami al senso di responsabilità servono a poco. Napolitano ha un solo colpo in canna, quello di Bersani. Poi, il diluvio. Con un mandato presidenziale che sta per arrivare a conclusione, per risolvere lo stallo prodotto dalla presenza di tre minoranze di blocco, ci sarà un unico tentativo. Il presidente della Repubblica ha infatti intenzione ovviamente – lo prevede la prassi – di affidare a Pierluigi Bersani il mandato per provare a formare un governo. Senza subordinate o piani B. Non sono più prese in considerazione alternative, che pure erano circolate: da Fabrizio Barca ad Anna Maria Cancellieri, da Corrado Passera a una donna delle file democratiche come Anna Finocchiaro. Un tentativo e stop. Ci penserà il nuovo presidente. Con la segreta speranz ache giorno dopo giorno maturino condizioni migliori. Il segretario del Pd farà dunque il suo giro. Mandato esplorativo. Ma in caso di insuccesso, Napolitano non sfoglierà altre margherite, non ci sarà alcun toto-premier. Perché un tecnico a palazzo Chigi c’è già ed è del tutto inutile andarsi ad inventare un ennesimo governo del Presidente. Resterà al suo posto Mario Monti, fino all’elezione del successore di Napolitano, per il disbrigo degli affari correnti. E non è un caso se il premier ha ripreso a consultarsi con i leader politici, per creare una rete di sicurezza. Questo è lo schema prima delle consultazioni. L’incontro con Grillo e Casaleggio farà il miracolo? Perchè secondo altri canali c’è un modo per uscire dall’impasse Bersani-Grillo. Con un’intesa, per quanto ardita e strampalata, una sorta di governo a due teste: democratica e grillina. Alcuni dicasteri che potrebbero ‘spettare’ a figure vicine a Grillo, come Renzo Piano per le Infrastrutture, Dario Fo alla Cultura, il procuratore capo di Torino, Guariniello per la Giustizia. Si fanno anche i nomi di Stefano Rodota’ e Gustavo Zagrebelski proprio per cercare di ottenere l’ok. Tutte sciocchezze? Intossicazioni? Tanto vale riportarle.
Redazione Online-news

Ti potrebbero interessare anche:

Dal giudice di Torino via libera al metodo Stamina. Si curerà anche la piccola sara
PREVIDENZA/ Quasi sei milioni gli iscritti ai fondi sanitari
Caso Di Stefano, il deputato non rispondei ai pm
M5S diviso, Grillo contro la linea "morbida" sugli immigrati
Alessio commissario straordinaro dell’Ipab S.Michele. Ed è polemica
SALVINI A ROMA E «NO TAV» A TORINO, È GUERRA TRA PIAZZE



wordpress stat