| categoria: Senza categoria, sport

La Fiorentina stende la Lazio e vince la sfida-Champions

Dopo quattro trasferte in cui non aveva raccolto nemmeno un punto, la Fiorentina si rifa’ con gli interessi vincendo all’Olimpico contro la Lazio. Montella riparte per Firenze con tre punti pesantissimi in saccoccia, che proiettano i viola a quota 48, da soli al quarto posto (a tre lunghezze dal Milan), complice anche il ko interno dell’Inter con il Bologna. La Fiorentina vince la sfida per la rincorsa alla zona Champions sul piano del palleggio, costringendo gli avversari a sfiancarsi a caccia di una palla che a tratti sembra un miraggio irraggiungibile. Pizarro e, soprattutto, Borja Valero, sono due maghi che fanno sparire e riapparire l’oggetto del desiderio dove vogliono, ben supportati dalla corsa inesauribile di Cuadrado e Migliaccio. E davanti Jovetic e Ljajic sono sempre pericolosi. Sono infatti proprio loro, con una rete per tempo, a fissare il risultato. La Lazio non demerita sul piano dell’impegno, ma la trasferta tedesca di giovedi’, in Europa League, si fa sentire nei muscoli di diversi giocatori, oltretutto in una partita resa ancora piu’ complicata dai violenti scrosci di pioggia che si abbattono sul campo per tutta la ripresa. Il terreno inzuppato non favorisce i centrocampisti laziali, piu’ pesanti e lenti. Le triangolazioni in velocita’ tra Cudrado, Borja Valero e – alternativamente – Ljajic o Jovetic, mettono spesso in difficota’ Cana e Dias, mentre Radu riesce a tenere meglio la posizione. La prima occasione i Montella-boys la creano all’8′. Ma sul cross di Pasqual, Jovetic non e’ pronto e spedisce a lato. Cuadrado ci prova da lontano al 14′. Tiro centrale, parato senza problemi. Sono le prove del vantaggio viola che arriva al primo vero affondo. E’ il 20′ quando Ljajic sfugge sulla sinistra e crossa al centro. Il ‘velo’ di Borja Valero inganna Dias e permette a Jovetic di battere un rigore in movimento. Palla nell’angolo e Marchetti battuto. La Lazio fatica a riordinare le idee ed organizzare una reazione pericolosa. La ragnatela dei viola, al contrario, dopo il vantaggio diventa ancora piu’ avvolgente, con Pizarro implacabile nel tenere palla e guadagnare falli a centrocampo e Migliaccio uomo-ovunque. Floccari si batte da solo contro tutta la difesa avversaria. Lentamente i biancocelesti riprendono un po’ di fiducia e finiscono il primo tempo in crescendo. L’occasione migliore capita sui piedi di Dias, che pero’ ‘cicca’ la palla a pochi metri di Viviano. Laziali al tiro quattro volte negli ultimi minuti, ma imprecisione o il muro dei difensori viola fanno si’ che Viviano se la cavi con poco. In avvio di ripresa Petkovic toglie Ederson per dare spazio ai centimetri e chili di Kozak. Ma al 5′ la punizione di Ljajic (complice un errore di piazzamento di Marchetti) spegne le velleita’ di rimonta. Hernanes replica con un’altra punizione velenosa, ma Viviano e’ bravo a deviare in angolo. Poi il brasiliano lascia spazio a Onazi, che si fara’ notare con un bel destro da 25 metri (38′) fuori di poco. Esce Ledesma per Mauri (24′), ma e’ un cambio che non incide. Il piu’ pericoloso resta Floccari, prima con un tiro al volo deviato (Kozak non ne approfitta, poi con una botta ravvicinata, in mischia (45′) sulla quale Viviano compie un miracolo. E’ l’ultima occasione biancoceleste. La Fiorentina puo’ festeggiare un successo pesantissimo.

Ti potrebbero interessare anche:

SCI/ Tour de Ski, Pellegrino secondo nello Sprint di Oberhof
SCHEDA/ Cuccaro, dalla parata in Rolls Royce bianca alla latitanza
La danza folk irlandese per combattere il Parkinson
Tennis, incontri truccati. Anche a Wimbledon? Tutto parte da Russia e Italia
AL MERCATO FIVI A CINECITTÀ 200 VIGNAIOLI INDIPENDENTI
Serie A: Roma Lecce 4-0



wordpress stat