| categoria: attualità, Senza categoria

CONCLAVE/ Stoppati Scola e gli americani. Hanno deciso le porpore italiane

Il cardinale Scola

Tutti aspettavano Scola o Scherer, e invece e’ uscito Bergoglio. Il Conclave partito con una sorta di spareggio tra due candidati ritenuti piu’ forti – il cardinale di Milano e quello di San Paolo del Brasile – ha prodotto un risultato del tutto a sorpresa, frutto di uno sconvolgimento dei fronti in campo e di una soluzione in qualche modo di mediazione e ”compromesso”. Un Papa, Francesco, non giovanissimo come molti attendevano – ha 76 anni – con un profilo personale di austerita’ e semplicita’, mostrate anche dalla scelta del nome che rimanda al santo di Assisi: un profilo che puo’ mettere d’accordo, almeno momentaneamente, le diverse spinte sul futuro governo della Chiesa e sulle necessita’ del cattolicesimo nel mondo. A bloccare la strada al cardinale di Milano – oltre al fuoco di sbarramento di questi giorni sui suoi rapporti con Comunione e Liberazione – la decisa opposizione degli altri italiani in Conclave. Una forte propaganda anti-Scola e’ stata messa in campo da parte degli elettori italiani nell’avvicinamento al Conclave. Scola partiva con un pacchetto iniziale di una quarantina di voti, in gran parte stranieri, che nei primi scrutini non ha raccolto le ulteriori adesioni necessarie ad arrivare al quorum dei 77 voti necessari all’elezione. A ridosso, almeno in partenza, il brasiliano Scherer, espressione proprio dell’episcopato latino-americano ma con forti agganci in Curia, per il suo passato nella Congregazione dei Vescovi e il suo presente nella Commissione di Vigilanza Ior. I due fronti, in qualche modo, si sono annullati a vicenda, non hanno raccolto l’afflusso degli ”indecisi”. Entrambi con il percorso bloccato, hanno dovuto quindi lasciare il campo gia’ alla quinta votazione, questo pomeriggio, al nome di Bergoglio. Su di lui sono confluiti molti degli incerti della vigilia, ma anche il ventaglio di porporati che proclamavano l’elezione di un non-europeo, come segnale di svolta rispetto a una Chiesa del Continente che secondo molti non esprime piu’ lo slancio necessario a vincere le sfide globali di oggi. E segni di questo, secondo molti vescovi extra-europei, sono stati anche la stagnazione nelle lotte di potere in Curia, gli scandali, precipitati complessivamente nella bufera Vatileaks. Bergoglio non si puo’ definire un outsider, sia per eta’ che per storia personale. Era stato il principale rivale di Ratzinger gia’ nel Conclave del 2005. Quindi il segnale puo’ essere percepito anche come un superamento della linea ratzingeriana, che per molti non ha prodotto un governo della Curia efficace. Pastore di lunghissima esperienza, col retroterra della sua appartenenza all’ordine dei Gesuiti, paladino dei poveri e dei diseredati, un tratto personale di bonarieta’ apparsi in tutta evidenza nel suo primo saluto ai fedeli dalla Loggia di San Pietro. Un uomo ”preso quasi alla fine del mondo”, si e’ definito, e niente poteva esprimere meglio la sua lontananza dalle ”paludi” romane. La brevita’ del Conclave ha fatto pensare a tutti, oggi pomeriggio, che si fosse concretizzata la candidatura di Scola. Invece gia’ si era passati rapidamente oltre. Il protodiacono Tauran ha annunciato ”Georgium Marium Bergoglio”, primo Papa latino-americano, primo Papa gesuita. Atteso ora da mille sfide, ma con la struttura spirituale e culturale per affrontarle.

Ti potrebbero interessare anche:

Un anno senza Lucio, tra musica e ricordi, tutto pronto in Piazza Grande
Strage di Caselle, fermato il presunto killer
PROFILO/ Donald Tusk, il liberale che ha sconfitto il populismo
FARMACI/ Sedici milioni di ipertesi in Italia, nuovo algoritmo per cure personalizzate
MAFIA CAPITALE/ Pignatone chiede il rinvio a giudizio di Venafro, l'uomo di fiducia di Zingaretti
Intifada dei coltelli a Milano? "Non ci facciamo intimidire", la Comunità ebraica reagisce...



wordpress stat