| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

“Idi va venduto, ci sono già due offerte”

Giuseppe Profiti

“Non c’e’ solo il problema di mettere in linea una gestione, bisogna corrispondere ai debiti assunti in passato, per questo e’ necessario pensare alla cessione del gruppo al privato: e’ opportuno che la gestione si adegui ai tempi”. L’ha dichiarato il delegato vicario pontificio per l’Idi, Giuseppe Profiti, a margine della cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Universita’ Cattolica del Sacro Cuore di Roma. “Abbiamo gia’ trovato due proposte interessanti che ora valuteremo e, se possibile, arricchiremo. Si tratta di offerte che riguardano entrambe le strutture: l’Idi e il San Carlo”, ha concluso. ”Inevitabilmente bisogna pensare alla cessione ad un privato, un privato che deve entrare in una situazione che abbia un’attendibilita’ dal punto di vista gestionale”, spiega Profiti. L’ospedale produce secondo la programmazione regionale un’ attivita’ che puo’ essere svolta da 1.000, 1.100 persone – spiega ancora -, di piu’ significa creare un problema per tutti i 1.500 dipendenti”. Questa mattina il delegato vicario Profiti ha incontrato in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’ Universita’ Cattolica il neopresidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, con cui si e’ fermato a parlare. Poi, interpellato a margine, Profiti ha spiegato: ”E’ gia’ stata contattata la Regione per la cassa integrazione guadagni e tutti gli strumenti possibili in questo momento. La cassa integrazione e’ gestita dalla regione e s
iamo fiduciosi di questo percorso”.

Ti potrebbero interessare anche:

Partite pirata, dieci siti sequestrati
"Perchè Sanremo è Sanremo, standing ovation per Baudo
Medicina termale, aumenta la validità terapeutica delle cure
Festa del vino ad Alba, XVII edizione
Siria: caccia russi e di Damasco bombardano la zona di Palmira
Montefiascone, emergenza a radiologia. C'è un solo medico



wordpress stat