| categoria: salute, Senza categoria

I pediatri: ogni settimana un bimbo muore soffocato da un boccone

Un boccone va di traverso e il bimbo smette di respirare, diventa cianotico, annaspa in cerca d’aria. Ogni anno in Italia succede quasi una volta al giorno negli ‘under 14′: secondo le stime sono infatti 450 all’anno i casi di soffocamento che si verificano nel nostro Paese, di cui il 60%, poco meno di 300, in bambini da 0 a 14 anni. E’ proprio questa la fascia di popolazione piu’ a rischio e ogni settimana un bambino muore per colpa di un corpo estraneo che si e’ bloccato in gola: sono infatti circa 50 ogni anno i decessi per soffocamento nei piccoli con meno di 14 anni, pari al 95% di tutte le vittime causate da queste situazioni. L’ultimo in ordine di tempo il caso del piccolo di 4 anni morto oggi mentre si trovava alla mensa della sua scuola a Napoli. Per affrontare il problema gli esperti della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) si sono riuniti a Montecarlo nei giorni scorsi per la Scuola di disostruzione del corpo estraneo e manovre di rianimazione cardiopolmonare pediatrica di base, durante la quale e’ stato presentato il progetto di una Rete formativa nazionale per le manovre salvavita. “Tra gli incidenti domestici – spiega Giuseppe Mele, presidente Fimp – l’inalazione di corpo estraneo e’ un evento tuttora ai primi posti tra quelli che avvengono nei primi anni di vita. Accade perche’ i bambini piccoli hanno la tendenza a portare alla bocca tutti gli oggetti che li interessano, perche’ spesso corrono mentre mangiano, perche’ ancora masticazione e deglutizione non sono perfettamente coordinate. Basterebbe pero’ sapere che cosa fare e che cosa non fare quando un bambino da’ segni di soffocamento per evitare una tragedia che colpisce 50 famiglie ogni anno: i presenti devono certamente chiamare aiuto, ma devono essi stessi, prima dell’arrivo di un soccorso specializzato, essere in grado di praticare le manovre salvavita basilari per la disostruzione perche’ ogni minuto, ogni secondo e’ prezioso”.

Ti potrebbero interessare anche:

VINO/ Grechetto, re della Tuscia
Opera di Roma, il Cda ritira i licenziamenti ma resta la tensione
Influenza:pediatri, vaccinare bimbi già dai 6 mesi se al nido
Mertens inventa, Genoa Ko, e Napoli vola
QUI VITERBO/ Fra due settimane si vota per la Provincia
Il buon umore potrebbe aiutare a mantenere il cervello giovane



wordpress stat