| categoria: sanità

Muore neonato in sala parto, il padre rompe il naso al medico

Il ginecologo esce dala sala parto per annunciare che il neonato e’ morto per asfissia e il padre del bimbo si scaglia contro il medico, sferrandogli un pugno in volto. E’ accaduto in una clinica privata di Atripalda, in provincia di Avellino dove sono intervenuti i carabinieri del comando provinciale per sedare la lite scoppiata questa mattina nella struttura sanitaria. Nella violenta discussione sono intervenuti anche i parenti della madre, una 24enne di Atripalda alla sua prima gravidanza. Sia il padre che i parenti sostenevano di aver avvertito distintamente il primo vagito del piccolo, mentre il ginecologo ha tentato di spiegare che durante il parto il cordone ombelicale si era avvolto attorno al collo del piccolo, determinando la morte per asfissia. Le rassicurazioni non sono bastate e la discussione e’ degenerata. Il medico ha riportato una vistosa ferita al naso, ma non ha sporto denuncia. Il padre del bimbo ha invece presentato un esposto accusando tutti i medici che hanno avuto in cura sua moglie di omicidio colposo. I carabinieri hanno gia’ acquisito la cartella clinica e sequestrato la salma del bimbo. Sara’ l’autopsia, che il gip del tribunale di Avellino potrebbe disporre gia’ domani, a stabilire se il piccolo sia nato gia’ morto o se il decesso sia avvenuto subito dopo il parto e per quali cause.

Ti potrebbero interessare anche:

Abruzzo, il Tar dà ragione al S.Raffaele di Sulmona, la Regione dovrà risarcire
Il Ministero della Salute lancia il 'servizio meteo' per tenere d'occhio l'influenza
Pediatri, con i tagli messe in ginocchio le terapie intensive
Errori medici per un paziente su 10, da Oms un piano
Per pagare cure mediche 7 milioni italiani indebitati
In Italia pochi gastroenterologi, screening sono a rischio



wordpress stat