| categoria: In breve, Senza categoria

Torino, seicento lavoratori irregolari in cooperativa: evasione per 6,5 milioni

Premi di produzione, rimborsi chilometrici, indennita’ di trasferta, incentivi per i lavoratori; escamotage, secondo quanto ricostruito dai Finanzieri del Comando Provinciale di Torino, utilizzati da una cooperativa sociale per evadere ritenute e contributi sugli stipendi corrisposti ai soci-lavoratori, tutti infermieri ed operatori socio-sanitari (Oss) di nazionalita’ straniera, ma con regolari permessi di soggiorno in Italia. In tutto circa 600 dipendenti coinvolti, 6,5 milioni di euro di stipendi secondo i finanzieri illegittimamente non tassati e 1,5 milioni di euro di ritenute (Irpef) non versate. Nei guai e’ finita la responsabile della cooperativa di assistenza domiciliare infermieristica, con sede in provincia di Torino, che opera in 24 case di cura e di riposo ed e’ attiva su tutto il territorio piemontese. Gli accertamenti sono iniziati il 4 dicembre scorso quando i militari del Nucleo Polizia Tributaria di Torino hanno fatto un’ispezione nella sede della cooperativa: alcuni accertamenti preliminari avevano fatto sorgere dei sospetti sulla regolarita’ delle buste-paga e degli stipendi. Una verifica insieme ai Funzionari della locale Direzione Territoriale del Lavoro e dell’Inps sugli stipendi pagati dal 1 gennaio 2008 al 30 ottobre 2012 fa emergere le irregolarita’. (

Ti potrebbero interessare anche:

Nigeria, gli integralisti rivendicano il sequestro dell'italiano
Operazioni "chirurgiche" francesi e due capi del terrorismo targato al Qaida sono liquida...
Funerali privati di Andreotti a Roma
Vodafone raddoppia gli investimenti, 3,6 miliardi in due anni
A tutto sci, viaggio in Veneto / 2
Salini Impregilo "disseta" Las Vegas con un tunnel sotterraneo



wordpress stat