| categoria: editoriale, Senza categoria

L’idea di Bersani: un dream team per convincere tutti. Poi i programmi

Farinetti, il signor Eataly, la Gabanelli,inflessibile castigatrice di politici di Report, De Rita, il guru del Censis; e poi Galli, ed direttore generale di Confindustria, Saccomanni, direttore generale di Bankitalia, Borletti Buitoni, ex presidente del Fai, e cos’ì via. Un dream team per vincere le olimpiadi della politica italiana. Per convincere tutti. Fumo negli occhi? Possibile, un escamotage disperato, piuttosto. Poi vengono le idee, i programmi. le alleanze. Bersani chiama questo possibile governo un esecutivo aperto alla società e riprova il gioco che gli è riuscito con Grasso. Come dire di no alla nazionale dei super-eroi, uomini e donne che nel loro ambito sono considerati degli autentici fuoriclasse? Il resto viene dopo, gli accordi con la Lega con i Montiani, le strategie parlamentari. Luigi Bersani, insomma,ci prova. Glielo lasceranno fare? E Berlusconi che farà?

Ti potrebbero interessare anche:

Ama, già diecimla interventi di raccolta gratuita a domicilio
I 50 anni di Afef Tronchetti Provera
Arriva il nuovo car sharing, Marino dimentica il default
Alla Sagra di Ladispoli arriva CarciofAle, la birra a base di carciofo
Arrivi e partenze in Campidoglio. Tronca naviga a vista?
Imbarazzante, la capitale affoga nei rifiuti. Di nuovo



wordpress stat