| categoria: In breve

Dell’Utri, prevista domani la sentenza della Corte d’Appello

E’ atteso per domani il verdetto della corte d’appello di Palermo che processa l’ex senatore del Pdl Marcello Dell’Utri per concorso in associazione mafiosa. Secondo l’accusa, per oltre 30 anni l’ex manager di Publitalia avrebbe avuto rapporti con personaggi di spicco di Cosa nostra facendo anche da ”mediatore” di una sorta di accordo protettivo stretto tra Silvio Berlusconi e le cosche. Un patto costato fiumi di denaro all’ex premier che, pagando, avrebbe tenuto al sicuro se’ e i suoi familiari dalle minacce mafiose. Il collegio, presieduto da Raimondo Lo Forti, dopo le eventuali repliche del pg e dei difensori dell’imputato, si ritirera’ in camera di consiglio nell’aula bunker del carcere Pagliarelli. La lunga vicenda giudiziaria di Dell’Utri comincia nel 1994 con la sua iscrizione nel registro degli indagati. Il 26 novembre del 1996 ha inizio l’udienza preliminare. Dell’Utri viene rinviato a giudizio. Il 5 novembre dell’anno successivo prende il via il dibattimento che si conclude l’11 dicembre del 2004 con la condanna dell’ex manager di Publitalia a 9 anni di carcere. L’appello, cominciato nel 2006, riapre l’istruttoria dibattimentale: nel processo entrano, tra l’altro, le dichiarazioni del nuovo pentito Gaspare Spatuzza. Il verdetto arriva il 29 giugno del 2010: una nuova sentenza di condanna, stavolta a 7 anni. Dell’Utri e’ colpevole, ma solo per le condotte antecedenti al 1992, anno a partire dal quale non risulterebbero piu’ provati, per la corte, i suoi rapporti con la mafia. La sentenza della Cassazione, emessa il 9 marzo del 2012, e’ una sorpresa: la decisione del secondo grado viene annullata con rinvio. I magistrati romani ritengono provate le collusioni mafiose dell’ex manager fino al 1977. Per le accuse relative al periodo che va dal ’77 al ’92, e’ tutto da rifare. I supremi giudici fissano rigidi paletti entro i quali la nuova corte d’appello a cui rinviano il processo dovra’ muoversi e rivalutare le imputazioni. In particolare la Cassazione evidenzia lacune nella motivazione della sentenza di secondo grado per le contestazioni relative al periodo che va dal 1978 al 1982 e dal 1982 al 1992. Confermata, invece, l’assoluzione per le accuse successive al 1992 per le quali la sentenza e’ definitiva. I nuovi giudici di appello procedono a spron battuto e, tenendo conto del rigido sentiero tracciato dalla Cassazione e del rischio prescrizione che incombe sulle imputazioni piu’ vecchie, respingono la stragrande maggioranza delle richieste istruttorie del pg Luigi Patronaggio, tra le quali quella di sentire a dibattimento Berlusconi, e dei difensori, Giuseppe Di Peri, Pietro Federico e Massimo Khrog. Il processo comincia il 18 luglio del 2012. L’accusa chiede la conferma della condanna a 7 anni. Domani il verdetto.

Ti potrebbero interessare anche:

USA 2016/Hillary Clinton riceve l'appoggio di Caroline Kennedy
MUSICA/ Torna in Abruzzo il festival mondiale delle percussioni
Tragico incidente in Calabria: 6 morti in due auto
Arrivano i buyers stranieri, a Caltanissetta vetrina per agroalimentare
CINEMA/ Peter Gallagher, 60 anni e un ruolo memorabile
I saldi nel Lazio partiranno il 5 gennaio



wordpress stat