| categoria: politica

Ricompare Montezemolo: diktat a Monti,o governissimo Pd-Pdl o mi chiamo fuori

Rimaste sotto traccia per lunghe settimane, esplodono le tensioni all’interno di Scelta Civica. Italiafutura, l’Associazione che fa capo a Luca Cordero di Montezemolo, critica apertamente l’ammiccamento di Mario Monti ad un ”governicchio” a guida Bersani, sostenendo che serve un ”patto” chiaro con il Pdl. Pomo della discordia la linea dettata dai due capigruppo, Mario Mauro e Lorenzo Dellai, che – con l’avallo del professore, – hanno fatto capire che l’appoggio al segretario del Pd non sia una strada preclusa. Un’apertura che per Italiafutura oltre ad essere sbagliata, visto che senza il Pdl l’Esecutivo vivrebbe appeso ai numeri in Senato, rischia di nascondere altro. ”Il tentativo di Monti di sostenere Bersani in cambio della salita al Quirinale”, come lo riassume un ‘montezemoliano doc’. Da qui l’avvertimento a Bersani, ma soprattutto al presidente del Consiglio: nessun inciucio con il segretario pd. ”Senza i voti di Scelta Civica il ‘piano A’ di Bersani non potr… vedere la luce”, avverte Italiafutura in un editoriale non firmato. ”Anche per questo Š necessario dire con maggiore chiarezza che non siamo disposti a sostenere governicchi”, soprattutto ora che all’Italia serve un ”governo di scopo” basato su un ”trasparente patto politico con il Pdl e con altre forze disponibili”. Una maggioranza che dovrebbe avere alcune ”priorita”’ come la riforma della legge elettorale; il taglio dei costi della politica; la fine del bicameralismo perfetto; il pagamento dei debiti della Pa. Nell’editoriale non mancano bacchettate ai due capigruppo, Mario Mauro e Lorenzo Dellai, che in due diverse interviste avevano detto che l’appoggio a Bersani non era ”scontato” (Mauro), ma neanche ”escluso” (Dellai). Una posizione che ha il sapore del ”politichese”, attacca un esponente di Italiafutura. ”Generici proclami” li definisce l’editoriale in cui si chiede che Scelta Civica prenda una posizione piu’ chiara e netta. A replicare, tentando di spegnere sul nascere le polemiche, e’ proprio il capogruppo in Senato: ”Pd e Pdl non possono fare altro che trovare delle convergenze ponendo fine a una rissa senza senso”, ribadisce ora Mauro, ricordando che al Colle la delegazione si e’ gia’ detta favorevole alle larghe intese. Ma dietro l’attacco di Italiafutura si puo’ leggere anche altro: l’area montezemoliana di Scelta Civica teme infatti che il professore stia nuovamente giocando una ”partita personale” (definizione di un fedelissimo del presidente Ferrari) per il Quirinale. Un sospetto che trova qualche conferma nell’entourage del premier, dove si ammette che – pur se molto difficile, soprattutto dopo l’affaire maro’ – il Colle resti nell’orizzonte dell’ex presidente Bocconi. A complicare le cose un’altra convinzione, stavolta condivisa da tanti dentro Scelta Civica: e cioe’ che il professore, ove tramontassero le chance per il Quirinale, potrebbe defilarsi. ”Non ha ancora deciso, ma non e’ detto che abbia voglia di fare altre campagne elettorali da leader”, riconosce una fonte molto vicina al prof. Ecco perche’, al di la’ del come riuscirci, tutti nel partito convengono su un fatto: il ritorno alle urne potrebbe segnare la fine di un movimento nato poco piu’ di tre mesi fa.

Ti potrebbero interessare anche:

CARCERI/ Monito di Napolitano, è tempo di intervenire
Grillo gioca in "casa Renzi", noi eredi della questione morale
Auto blu, antitrust taglia, ultimi giorni ai ministeri
Renzi riparte dal partito, dopo il voto la riorganizzazione del Pd
La grande fuga dalla Cgil: in un anno persi 700mila iscritti
Renzi, bagno di folla a Festa dell'Unità: "Siamo l'Italia del sì"



wordpress stat