| categoria: economia

FS/ Moretti annuncia, bond da un miliardo e mezzo per pagare stipendi e fornitori

L'ad di Fs Moretti

Un bond da 1,5 miliardi di euro per dare una boccata di liquidita’ a Ferrovie dello Stato. E’ questa la soluzione annunciata dall’amministratore delegato Mauro Moretti per riuscire a continuare a pagare stipendi e fornitori in assenza dei pagamenti dovuti da Stato e Regioni, che ormai hanno toccato i 2 miliardi. ”La difficolta’ sta aumentando”, ha avvertito oggi Moretti, annunciando che l’emissione arrivera’ a breve. Gia’ qualche settimana fa l’ad delle Ferrovie aveva lanciato l’allarme liquidita’ per il Gruppo di fronte ai mancati pagamenti delle Regioni. Oggi l’annuncio del bond: la decisione, ha spiegato, e’ gia’ passata per il cda e si sta valutando se fare uno o piu’ bond, con un primo anticipo limitato a qualche centinaio di milioni. E’ inoltre partita la ricerca degli advisor che aiuteranno Fs a stabilire la percentuale da destinare agli investitori retail e istituzionali. ”Abbiamo bisogno di liquidita’ perche’ dobbiamo pagare gli stipendi e i fornitori e abbiamo 2 miliardi di euro di crediti scaduti con Stato e Regioni”: il bond sara’ ”un volano di liquidita”’, ha detto Moretti. L’annuncio e’ arrivato durante la presentazione del primo Frecciarossa 1000, dedicato a Pietro Mennea, uscito oggi dallo stabilimento AnsaldoBreda di Pistoia. Un super treno che viaggera’ a 360 km/h (velocita’ massima di 400 km/h) riducendo le distanze tra Roma e Milano a due ore e 15 e che per le Fs rappresenta ”il simbolo della svolta”, ha detto Moretti: ”qualche anno fa eravamo vicini al fallimento, poi ci siamo rimboccati le maniche, con tanta buona volonta’, un po’ come Mennea, e siamo riusciti a una robusta riconversione del Gruppo, da fonte di perdita per il Paese a gruppo che produce ricchezza e crea valore”. Ora la prossima sfida e’ ridurre ancora i tempi di percorrenza senza modifiche all’infrastruttura, ha detto Moretti, che non teme l’arrivo di EasyJet sulla Roma-Milano: da ogni concorrente che arriva, ha detto, ”noi siamo preoccupati ma anche stimolati”. Il Frecciarossa 1000 e’ motivo d’orgoglio anche per AnsaldoBreda (che lo realizza insieme a Bombardier) che sta portando avanti da circa un anno un piano di risanamento e che la Finmeccanica guidata Orsi era intenzionata a vendere. ”Oggi e’ un giorno cruciale per la storia di un’azienda che era devastata e con il morale sotto i piedi ma che ha voluto fortemente mettersi in gioco”, ha detto l’ad Maurizio Manfellotto. Un riconoscimento e’ arrivato anche dal nuovo ad di Finmeccanica Alessandro Pansa: ”L’uscita di questo treno non e’ la soluzione ai problemi della societa”’, ”ma quanto avete fatto – ha detto ai lavoratori – e’ fondamentale per proseguire in un cammino difficile ma che compiremo insieme”. Mentre da Moretti e’ arrivato un appello perche’ l’azienda resti italiana: ”Se mettiamo tanti soldi a disposizione di un’industria nazionale vorremmo che restasse nazionale”. I sindacati intanto sono ai ferri corti con Fs: Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti e Fast Ferrovie hanno proclamato unitariamente uno sciopero di 8 ore del personale di Trenitalia per venerdi’ 12 aprile, per ”non aver avuto risposte di merito dal Gruppo Fs in materia di occupazione in particolare su manutenzione, gestione turni di lavoro degli equipaggi e smantellamento Divisione cargo”.

Ti potrebbero interessare anche:

Tariffe, bollette di luce e gas, ad ottobre aumenti in vista
Boom di richieste di accesso per il 730 precompilato, 7 milioni pronti
Autostrade, sciopero dei benzinai il 24 e il 25 giugno
La Bce bacchetta la flessibilità: "Serve più cautela"
Alitalia, riprende confronto su contratto. Convocati sindacati
Record di occupati nel II trimestre, superati i livelli pre-crisi



wordpress stat