| categoria: sanità Lazio, Senza categoria

Fondi per la psichiatria fermi da tempo, la Regione si muova

Fondi per la psichiatria fermi da tempo, la Regione si muova, gli operatori del settore sono sul piede di guerra. In occasione del convegno promosso da Uil del Lazio e organizzato dal coordinamento ‘Precari Psichiatria 23 mesi’ presso il complesso Santa Maria della Pietà l’organizzazione sindacale si è fatta promotrice di chiedere alla Regione di sbloccare i fondi per la psichiatria fermi ormai da tempo. “Entrando nel merito della questione – ha dichiarato il segretario romano di Uil funzione pubblica, Paolo Dominici – sollecitiamo l’attuale governo Rregionale a mettere in pratica le seguenti azioni: annullare le recenti norme che di fatto interrompono l’erogazione delle provvidenze economiche a valenza terapeutica alle persone con grave sofferenza mentale, sbloccare le assunzioni di personale per garantire anche ai Dsm (Dipartimenti salute mentale) i livelli minimi di assistenza; e ancora programmare e governare immediatamente le recenti norme sul superamento del precariato garantendo l’acquisizione delle risorse necessarie; garantire per i Dsm strutture adeguate, dignitose sul piano dell’accoglienza e della cura; e infine – precisa Dominici – garantire il completamento dell’iter applicativo del decreto 101 del 2010 a firma del commissario ad acta finalizzato alla ridefinizione delle case di cura psichiatriche. Inoltre sollecitiamo anche la giunta capitolina a riversare le quote dovute alla Regione da troppo tempo congelate ma essenziali per queste strutture. Siamo convinti – conclude il Segretario – che la sanità possa e debba essere costruita per sostenere queste realtà, determinanti non solo per i pazienti ma anche per i famigliari degli stessi”.

Ti potrebbero interessare anche:

FIUMICINO/Montino: "Inaccettabile rete acqua colabrodo"
Quattordicenne si suicida a Trastevere
Slitta (intanto a gennaio) il varo dei 18 ambulatori aperti anche nei giorni festivi
Psicologia a quattro zampe, quando anche il cane va in terapia
Quando la giustizia italiana fa rabbrividire
Manovra, torna l'ipotesi digital tax sui colossi del web dal 2017



wordpress stat