| categoria: sanità, Senza categoria

Ospedali pugliesi si cambia, 445 nuovi assunti

“Ripartono le assunzioni del sistema sanitario pugliese per rispondere alle urgenze e alle emergenze del territorio. Presto saranno assunte 445 unità di cui 347 di comparto, ovvero infermieri professionali”. Lo ha annunciato Elena Gentile, assessore regionale al Welfare della Regione Puglia durante una conferenza stampa in corso a Bari. “Il Policlinico di Bari e il policlinico di Foggia saranno tra i primi presidi a vedere i segnali di questo cambiamento come la città di Taranto e la provincia tarantina dove sono stati appena implementati i servizi aderenti all’ambiente e alla cura e prevenzione e dove sono già arrivati 315 operatori della sanità”, ha continuato Gentile e ha specificato: “Entro giugno prevediamo altre 800 assunzioni”. “Chiederemo ai direttori generali di fornirci gli elenchi delle necessità di personale delle singole Asl per cogliere le difficoltà presenti in tutte le strutture regionali. Noi vogliamo ricostruire il sistema sanitario a misura di cittadino. I conti e i numeri non ci bastano più: vogliamo scandagliare le ombre e le penombre, eliminarle e rispondere concretamente ai cittadini”, ha detto l’assessore regionale. Che parla anche da medico e per questo ha sottolineato la volontà del sistema sanitario pugliese di essere “all’altezza delle aspettative”. “Il piano di rientro che ci è stato imposto da Roma è il ricatto che il centrodestra ha usato per ricostruire quel consenso che aveva perduto”,ha detto il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola. “Nel 2005 quando siamo arrivati, abbiamo trovato una Puglia arretrata, dal giro nella Puglia delle Tac, nella Puglia degli ospedali è emerso solo un inquietante degrado”, ha dichiarato: “Mentre noi come governo regionale eravamo impegnati in un corpo a corpo per cercare metodi di risanamento e fondi, è arrivato il piano di rientro che aveva solo uno scopo: far ricadere sulla mia amministrazione responsabilità non nostre. Ma ce l’abbiamo fatta: abbiamo quella rabbia per questo castigo imposto alla Puglia e ora siamo orgogliosi delle 800 unità che entrano da subito nel sistema e delle altre 800 che entreranno entro l’estate. Queste assunzioni sono ossigeno puro”. “Mentre avevamo bisogno di personale abbiamo visto restringere il personale: da oggi cambia la musica. Il dovere del cambiamento è sulle nostre spalle”, ha affermato il Governatore.

Ti potrebbero interessare anche:

ROMA/ Da Paoli a Pappano, festa per i dieci anni dell'auditorium
La pubblicità entra in corsia, due ospedali di Milano si affidano a un privato
BASKET/ Belinelli "storico", primo azzurro campione Nba
A Sanremo nasce “The Beatles Summer Festival”
Svolta a West Point, arriva il primo comandante donna
Viaggio televisivo nel bello , si parte da Caserta



wordpress stat